Champions, Juventus-Shakhtar le formazioni: Vucinic e Giovinco in attacco

Pubblicato il 2 ottobre 2012 9:57 | Ultimo aggiornamento: 2 ottobre 2012 9:57

Champions League (LaPresse)

TORINO, JUVENTUS STADIUM – Le formazioni di Juventus-Shakhtar, in programma oggi alle 20,45 e valida per la seconda giornata della fase a gironi di Champions League.
Juventus (3-5-2): 1 Buffon, 15 Barzagli, 19 Bonucci, 3 Chiellini, 26 Lichtsteiner, 23 Vidal, 21 Pirlo, 8 Marchisio, 22 Asamoah, 9 Vucinic, 12 Giovinco. (30 Storari, 2 Lucio, 11 De Ceglie, 4 Caceres, 24 Giaccherini, 27 Quagliarella, 32 Matri). All. Carrera.

Shakhtar (4-1-4-1): 30 Pyatov, 33 Srna, 5 Kucher, 44 Rakitskiy, 26 Rat, 3 Hubschman, 22 Mkhitaryan, 7 Fernandinho, 10 Willian, 77 Ilsinho, 9 Luiz Adriano. (32 Kanibolotskiy, 6 Stepanenko, 11 Eduardo, 18 Devic, 20 Douglas Costa, 29 Alex Teixeira, 38 Kryvtsov). All. Lucescu.    Arbitro: Nijhuis (Olanda).    Quote Snai: 1,53; 3,75; 6,00.

Antonio Conte ha deciso di non cambiare: i bianconeri giocheranno anche questa sera con la difesa a tre che ha fatto tanto bene contro la Roma nell’ultimo turno di campionato. Davanti a Gigi Buffon giocheranno Andrea Barzagli, il più in forma dei suoi, Giorgio Chiellini, che ha annullato Francesco Totti sabato sera, e Leonardo Bonucci, sempre più decisivo in questo primo scorcio di stagione.

Il centrocampo della Juventus abbinerà quantità a qualità perchè lo Shakhtar è un avversario da non sottovalutare. Gli ucraini sono i “brasiliani d’Europa (cit. Cristiano Lucarelli) e hanno molta qualità in attacco.

La fase difensiva della Juventus dovrà partire proprio dalla zona mediana del campo. Sull’out di destra agirà Stephan Lichtsteiner; il calciatore svizzero ha la velocità adatta per arginare un calciatore del livello di Fernandinho.

Sulla fascia opposta tornerà dal primo minuto K.Asamoah. L’ex calciatore dell’Udinese ha avuto un grande impatto nei campioni d’Italia e questa sera sarà necessario il suo impiego per contenere l’estro di Willian ed offendere quando ce ne sarà la possibilità.

I tre tenori confermati titolari anche questa serà. Andrea Pirlo in cabina di regia, e non potrebbe essere altrimenti dopo la gara favolosa con gol contro l’As Roma, con Claudio Marchisio ed Arturo Erasmo Vidal nelle posizioni di intermedi.

In attacco Mirko Vucinic titolare inamovibile con Sebastian Giovinco favorito su Alessandro Matri. La “formica atomica” è in possesso delle qualità tecniche necessarie per scardinare l’arcigna difesa “all’italiana” dello Shakhtar Donetsk di Mircea Lucescu.

Curiosità su Juventus-Shakhtar. Considerando anche il periodo in cui lo Shakhtar rappresentava l’allora federazione sovietica, si tratta del secondo confronto ufficiale tra le due squadre in Italia: il precedente risale alla coppa Uefa 1976/77, vittoria della Juventus per 3-0 in data 24 novembre 1977, andata degli ottavi di finale, con gol di Bettega al 16′, Tardelli al 19′ e Boninsegna al 38′.

La Juventus, escludendo il precedente contro lo Shakhtar, ospita per la terza volta una rivale ucraina, e finora e’ imbattuta: 1 successo (5-0 sulla Dinamo Kiev nella Champions 2002/03) ed 1 pareggio (1-1 contro la Dinamo Kiev nella Champions 1997/98), il bilancio a favore dei bianconeri. Lo Shakhtar, sempre comprendendo il periodo in cui rappresentava la ex federazione sovietica, e’ alla nona trasferta ufficiale in Italia ed ha sempre subito gol: bilancio di 1 successo, 1 pareggio e 6 sconfitte ucraine, per un totale di 25 reti al passivo.

La Juventus non perde nelle coppe europee dal 18 marzo 2010 quando, in Europa League, venne superata per 1-4 in casa del Fulham. Nelle seguenti 11 partite lo score bianconero e’ stato di 4 vittorie e 7 pareggi (di cui 7 nelle ultime 7 gare).

La Juventus non vince in Europa dal 26 agosto 2010, 1-0 interno contro lo Sturm Graz nel playoff di Europa League: da allora i bianconeri hanno poi raccolto 7 pareggi, eguagliando la striscia negativa record del club in ambito continentale, che la prima volta si era verificata dal 15 aprile al 2 dicembre 1998 con tutte gare relative alla Champions League: in questo caso il bilancio era stato di 5 pareggi e 2 sconfitte.

L’arbitro di Torino sara’ l’olandese Bas Nijhuis, classe 1977, internazionale dal 2007. La Juventus e’ all’esordio con lui, ma le formazioni italiane nelle coppe europee contano 2 incroci: Genoa-Lilla 3-2 nell’Europa League 2009/10 e Vaslui-Inter 0-2 il 23 agosto scorso, in Europa League. I precedenti con club ucraini sono 2, mai con lo Shakhtar, con bilancio di 1 pareggio (Lech Poznan-Dnipro 0-0, Europa League 2010/11) ed 1 sconfitta (Karpaty-Siviglia 0-1, Europa League 2010/11).