La Juventus ha vinto la Supercoppa. Carrera: “La dedichiamo a Conte”

Pubblicato il 11 agosto 2012 17:38 | Ultimo aggiornamento: 11 agosto 2012 17:38

Foto LaPresse

PECHINO, CINA –  “Devo ringraziare i ragazzi che hanno fatto un’ottima partita e siamo contenti. Il primo pensiero va ovviamente al mister (Conte, ndr), abbiamo dimostrato di essere uniti e di remare tutti dalla stessa parte. Sappiamo quello che vogliamo”.

Lo ha detto Massimo Carrera ai microfoni di RaiSport dopo la vittoria della Juventus nella finale di Supercoppa italiana contro la Juventus. Sulle proteste del Napoli per l’arbitraggio, l’allenatore bianconero ha dichiarato: “Io ho visto solo che loro facevano un pò di caccia all’uomo, gli unici errori li abbiamo commessi sui loro due gol”.

A Carrera viene chiesto, poi, se con la prova di oggi di Vucinic, la Juve possa fare a meno del così detto top player: “La Juve ha caratteristiche di grinta e concentrazione, poi il mercato riguarda la società”. Infine si torna a parlare di Conte e se ci sono stati contatti dalla tribuna.

“E’ filato tutto liscio, tutto programmato, nessun contatto con Conte”, ha dichiarato Carrera. “E’ la vittoria di Conte, una partita che ha preparato durante la settimana e nei giorni scorsi in modo impeccabile”. Lo ha detto il direttore generale della Juventus, Beppe Marotta, ai microfoni di RaiSport dopo la vittoria nella finale di Supercoppa contro il Napoli. “I giocatori volevano dedicargliela e ci sono riusciti contro un Napoli impegnativo”, ha aggiunto il dirigente bianconero. Inevitabile una domanda sulle proteste del Napoli per l’arbitraggio e la decisione del club azzurro di non prendere parte alla cerimonia di premiazione.

“C’erano tre arbitri e due collaboratori, più di così non so cosa dire. L’unico episodio dubbio forse è quello del rigore. Noi dopo la finale di Coppa Italia abbiamo accettato l’arbitraggio senza protestare”. Infine si parla di mercato. “La Juve è pronta a migliorare il suo livello qualitativo, è nostro dovere farlo. Ma questo gruppo ha già vinto meritatamente il campionato e oggi la Supercoppa”, ha concluso Marotta.