Kean furioso, scuote testa dopo sostituzione in Italia-Spagna

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 16 Giugno 2019 22:47 | Ultimo aggiornamento: 16 Giugno 2019 22:47
Kean furioso, scuote testa dopo sostituzione in Italia-Spagna

Kean durante Italia-Spagna. Foto ANSA/LPS/ALESSIO MARINI

BOLOGNA – Nonostante fosse tra i più attesi in campo, Italia-Spagna non è stata la partita di Moise Kean. L’attaccante della Juventus è uscito dal campo al 60′ per far spazio a Cutrone. Di Biagio lo ha sostituito perché non era riuscito a combinare nulla di buono fino a quel momento. Al suo posto, il ct degli azzurrini ha inserito in campo il milanista Cutrone (poi decisivo sul gol del 2-1 di Chiesa). 

Kean non ha accettato la sostituzione ed è uscito dal campo visibilmente arrabbiato. Nonostante fosse inquadrato dalle telecamere della Rai, il baby fenomeno della Juventus non ha fatto nulla per nascondere il suo malcontento e ha scosso più volte la testa esprimendo il suo disappunto nei confronti del ct Gigi Di Biagio. 

Dopo la sua uscita del campo, un membro dello staff azzurro ha cercato di rincuorarlo ma Kean ha continuato dritto per la sua strada fino al suo ritorno in panchina. Volto scuro e testa bassa per il giovane attaccante della Juventus. 

5 x 1000

La reazione di Kean al cambio ha diviso il popolo dei social. La maggioranza dei tifosi della Juventus lo ha difeso dicendo che il baby attaccante non meritava la sostituzione. I tifosi delle altre squadre, soprattutto quelli del Milan, lo hanno attaccato duramente puntando il dito sul suo atteggiamento.

Secondo questi utenti, l’attaccante della Juventus, in un momento chiave della partita con il risultato inchiodato sull’1-1, non avrebbe dovuto agire in quella maniera. Avrebbe dovuto incoraggiare Cutrone che stava per entrare al suo posto. 

Nonostante le polemiche scaturite da questa sostituzione, Di Biagio ha azzeccato il cambio perché Cutrone, entrato in campo da appena tre minuti, è risultato decisivo nell’azione che ha portato al gol del 2-1 di Federico Chiesa. 

Cutrone ha controllato un pallone spalle alla porta e ha toccato il pallone per l’attaccante della Fiorentina che non ha avuto alcun problema ad insaccare in rete da due passi.