Lahm: “Doping nel calcio c’è. Ma alcune qualità non si migliorano con medicine”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 settembre 2013 13:05 | Ultimo aggiornamento: 20 settembre 2013 13:05
Lahm: "Doping nel calcio c'è. Ma alcune qualità non si migliorano con medicine"

Lahm (LaPresse)

MONACO DI BAVIERA (GERMANIA) – Philipp Lahm, capitano del Bayern Monaco e della nazionale tedesca, in un’intervista allo Spiegel, sostiene che ci siano calciatori dopati: “Casi isolati che possono ripetersi. Ma ci sono qualità che non si migliorano con le medicine”. E spera in una nuova legge antidoping più rigida.

“Non sono un ingenuo, anche nel calcio – ha affermato Lahm – ci sono stati casi isolati di doping, che possono anche ripetersi. Il calcio è una cosa complessa, servono caratteristiche fondamentali come il senso del gioco e la tecnica, qualità che non si possono migliorare con l’uso di medicinali proibiti”.

Si può giocare ai massimi livelli anche senza doparsi: io lo scorso anno ho vinto la Champions League con il Bayern”. Lahm si auspica l’introduzione di una normativa più severa: “Sono per il fair-play e contro ogni sorta di imbroglio. Se dopo le elezioni ci fosse al Bundestag una maggioranza favorevole ad una legge antidoping, per me come sportivo di alto livello sarebbe una cosa assolutamente giusta”.