Lanerossi Vicenza, minorenni in shorts a bordo campo come raccattapalle

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 settembre 2018 12:49 | Ultimo aggiornamento: 18 settembre 2018 12:54
lanerossi vicenza

Lanerossi Vicenza, minorenni in shorts a bordo campo come raccattapalle

VICENZA – Il debutto del Lanerossi Vicenza di Renzo Rosso, l’imprenditore della Diesel, ha catalizzato l’attenzione per le ragazzine a bordo campo. In shorts e top, rigorosamente voltate di spalle alle tribune, visto che avevano il compito di sostituire i tradizionali raccattapalle, sono state immortalate in foto e video da tifosi, stampa e tv locali. Per l’occasione sono state impiegate (per tutti i 90 minuti) ragazze under 16 dell’Anthea Volley (società pallavolistica vicentina). Una iniziativa che ha fatto discutere.

In primis il consigliere comunale di opposizione Sandro Pupillo che ha postato il suo dissenso su Facebook.

“L’immagine della donna promossa a Vicenza, anno Domini 2018. Si parla tanto di femminicidio, di sessismo, di lotte e battaglie per le pari opportunità. Si parla tanto del ruolo della donna nella società occidentale e cattolica, come modello positivo da contrapporre alle altre società del sud del mondo. Si parla tanto, troppo, e forse inutilmente, se poi il risultato è questo: Minorenni col culo fuori piazzate sotto una curva di tifosi, e più in generale all’interno di tutto lo stadio, luoghi certamente non famosi per il rispetto, l’educazione e l’amore per il prossimo. VERGOGNA TOTALE per chi ha solo pensato una schifezza simile”.

Mentre Paolo Bedin, direttore generale della squadra biancorossa, intervistato da Il Giornale di Vicenza, ha già assicurato che l’iniziativa “avrà un seguito, continueremo a proporla in collaborazione con le varie squadre femminili della provincia. Abbiamo cominciato con l’Anthea Volley, andremo avanti con il Vicenza femminile, il Famila Schio e altre”.