La Lazio fallisce il sorpasso all’Inter, solo 0-0 con il Verona

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 5 Febbraio 2020 22:51 | Ultimo aggiornamento: 5 Febbraio 2020 22:51
La Lazio fallisce il sorpasso all'Inter, solo 0-0 con il Verona

Simone Inzaghi consola Ciro Immobile, la Lazio non è andata oltre allo 0-0 interno contro l’Hellas Verona e ha fallito il sorpasso all’Inter (foto Ansa)

ROMA- La Lazio ha fallito il sorpasso all’Inter e non si è portata a meno due dalla capolista Juventus come avrebbe potuto in casa di vittoria. Contro il Verona, allo Stadio Olimpico di Roma, i biancocelesti non sono andati oltre allo zero a zero. Immobile e soci non sono riusciti a segnare nemmeno un gol alla quarta difesa del campionato.

Il Verona si conferma la grande rivelazione di questo campionato. Se i biancocelesti si sono portati a meno uno dall’Inter e a meno quattro dalla Juventus, i veneti si sono portati a un punto dalla zona Europa League e ad otto punti dalla zona Champions League. Un piccolo miracolo sportivo da parte di Juric che avrebbe dovuto solamente salvare la squadra. 

Lazio-Verona 0-0, doppietta di pali per Luis Alberto. Strakosha decisivo. 

Dopo la splendida coreografia esposta dalla Curva Nord, le due squadre sono scese in campo per vincere la partita. La Lazio ha fatto qualcosa in più, anche perché giocava in casa, ma il Verona non è rimasto a guardare e ha saputo pungere in contropiede come fa di solito. 

Nel primo tempo, Strakosha ha parato miracolosamente un tiro a botta sicura di Pessina, mentre Silvestri è stato bravo a superarsi su Immobile e Luis Alberto. Nel finale di primo tempo, lo spagnolo ha colpito il palo a portiere del Verona battuto. 

Nel secondo tempo, la Lazio ha colpito un altro palo con lo sfortunatissimo Luis Alberto ma il Verona ha avuto tre occasioni da gol nitide con Lazovic, Verre e Borini. Strakosha è stato bravissimo a dire di no ai calciatori veneti. Continua lo straordinario campionato del Verona, la Lazio esce dal campo con un po’ di amaro in bocca ma con la consapevolezza del fatto che il primo posto sia ancora a portata di mano…