Lazio batte Inter e lo scavalca in classifica, è lei l’anti Juve per lo scudetto

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 16 Febbraio 2020 20:28 | Ultimo aggiornamento: 16 Febbraio 2020 22:53
Lazio-Inter 0-0, sfida scudetto all'Olimpico: Immobile sfida Lukaku

Lazio-Inter, sfida scudetto allo Stadio Olimpico: Romelu Lukaku nella foto Ansa

ROMA – Serie A, posticipo della 24esima giornata. Lazio-Inter 2-1, gol: Ashley Young al 43′, Ciro Immobile su rigore al 50′ e Sergej Milinkovic Savic al 69′.

Delirio all’Olimpico per il successo in rimonta della Lazio contro l’Inter. I biancocelesti hanno battuto e superato in classifica i nerazzurri portandosi a meno uno dai campioni d’Italia in carica. La sfida dell’Olimpico ha emesso il suo verdetto, è la Lazio l’anti Juve per lo scudetto. Anche perché i biancocelesti, rispetto ai nerazzurri ed ai bianconeri, non sono impegnati nelle coppe europee e potranno preparare le partite di campionato con una settimana intera di lavoro a disposizione. 

La Lazio era partita forte contro l’Inter e dopo appena sette minuti di gioco Milinkovic Savic, che poi sarà il migliore in campo con ampio distacco, ha colpito la traversa con un bolide dalla lunga distanza. L’Inter ha saputo incassare il colpo ed è riuscito a sbloccare il match a fine primo tempo con la collaborazione di Strakosha. 

Il portiere albanese della Lazio ha respinto male un tiro innocuo di Candreva regalando ad Ashley Young un tap in comodo da due passi. Per l’inglese è il primo gol con la nuova maglia. Nella ripresa, la Lazio ha completato una rimonta da applausi. Prima il gol su rigore di Immobile, propiziato da errori in serie di Skriniar, Padelli e de Vrij, poi la magia di Milinkovic Savic su azione d’angolo. 

Nel finale di partita, l’Inter ha sfiorato il pareggio con Eriksen e Lukaku ma anche la Lazio ha avuto le sue occasioni per segnare il tre a uno, su tutte quelle capitate sui piedi di Immobile, che è stato fermato da una parata prodigiosa di Padelli, e di Correa, che ha sparato alto da ottima posizione. 

Dal punto di vista arbitrale, il rigore concesso alla Lazio è netto ma i nerazzurri hanno protestato a lungo nel primo tempo per una brutta entrata di Milinkovic Savic su Barella. Il serbo ha praticamente calpestato l’ex mediano del Cagliari ma l’arbitro non lo ha nemmeno ammonito. Poi Milinkovic deciderà la partita con la magia di cui abbiamo appena parlato. 

Questo successo, proietta la Lazio al secondo posto in classifica a meno uno dalla Juve ma anche l’Inter resta in corsa per lo scudetto visto che i nerazzurri sono ad appena tre punti di distanza dai bianconeri. E’ il campionato più bello degli ultimi anni. 

Lazio-Inter 2-1, sfida scudetto decisa da una magia di Milinkovic nella ripresa.

Lazio batte Inter e la supera in classifica, è lei l'anti Juve per lo scudetto

La Lazio batte l’Inter e lo scavalca in classifica, decisivo il gol segnato da Milinkovic Savic (foto Ansa)

Sfida scudetto allo Stadio Olimpico, la Lazio ha sfidato l’Inter con un 3-5-2 con Strakosha; Luiz Felipe, Acerbi, S. Radu; Marusic, Milinkovic, Leiva, Luis Alberto, Jony; Caicedo e Immobile.  

Antonio Conte ha risposto a Simone Inzaghi con un 3-5-2 con  Padelli; Godin, De Vrij, Skriniar; Candreva, Vecino, Brozovic, Barella, Young; R. Lukaku e L. Martinez. La gara è stata arbitrata da Rocchi di Firenze.

Al momento dell’ingresso in campo delle due squadre, la Curva Nord ha esposto una coreografia per ricordare il gemellaggio storico tra le due tifoserie. 
La prima grande occasione da gol è stata creata dalla Lazio al 7′, Sergej Milinkovic Savic ha fatto partire un tiro improvviso dalla trequarti campo che si è stampato sulla traversa a Padelli battuto. 

Al 19′ l’Inter ha sfiorato il vantaggio con Romelu Lukaku. Il centravanti belga ha calciato a botta sicura su assist di Brozovic ma il suo tiro è stato deviato in calcio d’angolo da Barella. Inter in vantaggio al 43′, goffa respinta di Strakosha su un tiro centrale di Candreva e gol al volo di Young sulla sua respinta. Il primo tempo è terminato sul risultato di uno a zero per l’Inter. 

Al 48′, l’arbitro ha assegnato un calcio di rigore alla Lazio per un fallo di de Vrij ai danni di Ciro Immobile. Dopo una svirgolata di Skriniar su una imbucata offensiva della Lazio, Immobile si è fiondato sul pallone per segnare ma è stato spinto da de Vrij. Rigore netto. Dagli undici metri non ha sbagliato Ciro Immobile. 

La Lazio ha completato la rimonta al 69′ con Sergej Milinkovic Savic. Il centrocampista serbo ha stoppato il pallone dopo un salvataggio sulla linea di Brozovic su un tiro a botta sicura di Marusic, Savic si è portato il pallone sul sinistro e ha battuto Padelli con un tiro rasoterra. 

Al 79′, Strakosha ha respinto con bravura un tiro dalla distanza di Eriksen, l’azione è proseguita e Lautaro ha segnato di testa a porta vuota ma si trovava in una posizione di fuorigioco. E’ finita! La Lazio ha battuto l’Inter e lo ha superato in classifica portandosi a meno uno dalla Juventus.