Lazio, Lazzari minacciato di morte su Instagram dai suoi ex tifosi della Spal

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 2 Febbraio 2020 21:22 | Ultimo aggiornamento: 2 Febbraio 2020 21:22
Lazio, Lazzari minacciato di morte su Instagram dai suoi ex tifosi della Spal

Manuel Lazzari ha ricevuto minacce di morte da parte dei suoi ex tifosi dopo Lazio-Spal, ecco il suo sfogo su Instagram

ROMA  – Manuel Lazzari è stato minacciato di morte sui social network dopo la fine di Lazio-Spal, partita terminata sul risultato di cinque a uno per i padroni di casa. Lazzari, che ha giocato per ben 7 stagioni con la maglia della Spal, è entrato nel mirino dei suoi vecchi tifosi per la sua esultanza, ritenuta eccessiva, in occasione della rete del momentaneo due a zero di Felipe Caicedo. 

Lazio-Spal, Lazzari: “Le minacce di morte non le merito…”.

Lazzari è rimasto sconvolto da queste minacce e si è sfogato su Instagram con le seguenti dichiarazioni: “Le minacce di morte non le merito. In quei 7 anni ho dato tutto, ringrazierò per sempre la Spal. Per sempre. Però questo non lo meritavo”.

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Bastos, Acerbi, Radu (37’st Vavro); Lazzari, Milinkovic, Leiva, Alberto, Lulic (16’st Jony); Caicedo (3’st Adekanye), Immobile. A disposizione: A.Anderson, D.Anderson, Guerrieri, Lukaku, Marusic, Minala, Parolo, Proto, Silva. Allenatore: Inzaghi.

SPAL (3-5-2): Berisha; Tomovic, Felipe (22’st Zukanovic), Bonifazi; Strefezza, Dabo (25’st Murgia), Missiroli, Castro (30’st Valdifiori), Reca; Di Francesco, Floccari. A disposizione: Letica, Ngagne, Tunjov, Vicari. Allenatore: Semplici.

ARBITRO: Giua.

MARCATORI: 4′ e 29’st Immobile (L), 16′ e 38’pt Caicedo (L), 13’st Adekanye (L), 20’st Missiroli (S)

NOTE: Ammoniti Milinkovic (L); Di Francesco, Missiroli (S). Recupero 2′ e 1′.