Inter batte Lazio e torna in Champions. Milan e Atalanta in Europa, Crotone in Serie B

di redazione Blitz
Pubblicato il 20 maggio 2018 22:56 | Ultimo aggiornamento: 20 maggio 2018 22:57
Lazio o Inter? In palio l'ultimo posto Champions. Milan e Atalanta in Europa Crotone in Serie B

Milan ai gironi di Europa League
ANSA / MATTEO BAZZI

ROMA – La Serie A ha emesso i suoi ultimi verdetti [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play]. L’Inter torna in Champions League dopo sei anni di assenza, e lo fa al fotofinish. All’Olimpico Spalletti, che già lo scorso anno con la Roma aveva trovato un posto in Europa all’ultimo, ribalta la Lazio e con il 3-2 finale chiude quarto.

Inter batte Lazio e torna in Champions. Milan e Atalanta in Europa Crotone in Serie B

Inter batte Lazio e torna in Champions. Milan e Atalanta in Europa, Crotone in Serie B
ANSA/GIUSEPPE LAMI

E’ una beffa per la squadra di Simone Inzaghi, che domina il primo tempo chiudendo solo 2-1, poi lascia campo all’avversario. La svolta della partita è stata il rigore causato da un intervento scomposto di De Vrij, neointerista al centro di polemiche, su Icardi. Ma pesa ancora di piu’ l’espulsione di Lulic, per un doppio giallo, arrivata 2 minuti prima del gol di Vecino che fissa partita e serata. De Vrij, sostituito poco dopo, è uscito dal campo in lacrime.

In contemporanea, la Roma vince a Sassuolo 1-0 e chiude terza. Cosi’ i verdetti del campionato sono tutti emessi. Dopo la Juve campione, Napoli secondo e in Champions – in attesa di conoscere il destino di Sarri – Roma e Inter con lei; poi Lazio e Milan in Europa League, dove l’Atalanta dovra’ fare i preliminari. Con Benevento e Verona, va in B il Crotone.

Dura mezz’ora la suspence salvezza: Insigne regala due assist al bacio per Milik e Callejon, il Crotone alza bandiera bianca e precipita in serie B anche perche’ la Spal e’ gia’ in vantaggio e non molla la presa. Tirano un sospiro di sollievo le altre pericolanti che comunque vincono tutte per 1-0: Udinese e Chievo vanno in vantaggio e poi controllano, il Cagliari si impone alla fine con l’Atalanta che si qualifica in Europa League ma dovra’ cominciare a luglio dai preliminari.

Il Milan infatti mette in cassaforte il quinto posto, si congeda col sorriso sulle labbra dal suo pubblico, portato per mano da Calhanoglu, e travolge 5-1 una Fiorentina in disarmo. Tutto facile per i partenopei che scoprono un Milik finalmente titolare, guarito e pronto a incidere piu’ significativamente in futuro.

Il Crotone di Zenga capisce subito che l’orgoglio e il cuore non possono bastare e, nonostante un finale di campionato garibaldino, tornano in serie B. Non si ripete il miracolo dell’anno scorso di Nicola, ma Zenga fa comunque un buon lavoro non potendo tamponare le falle create dalla gestione del suo predecessore.

Il Napoli passeggia, domina poi nella ripresa controlla il ritorno dei calabresi che segnano alla fine un gran gol con l’ex romanista Tumminello e i tifosi ora aspettano una campagna acquisti significativa e il proseguimento del lavoro di Sarri. Il Milan certifica il quinto posto con una vittoria squillante su una Fiorentina spaesata, che si ferma dopo il gol del vantaggio di Simeone.

I rossoneri sono trascinati dalla coppia Cahlanogru-Cutrone, punto fermo per il futuro. Il turco segna un gol e crea due assist che il giovane attaccante trasforma chiudendo la stagione del suo lancio con dieci gol. Segna anche Kalinic, che vede pero’ piuttosto nebuloso in suo futuro rossonero. Il sigillo finale e’ di un altro baluardo rossonero, Bonaventura. Per i viola un preoccupante congedo che dara’ importanti lumi alla societa’ per il prossimo mercato.

L’Atalanta perde a Cagliari di fronte a una squadra che lotta per la salvezza e che si e’ svegliata nelle ultime gare. Poco significativa , una volta tanto, la prova degli ospiti che sbagliano alla fine il rigore del pari con Caldara e comunque si tengono stretto l’Europa e il sesto posto. Il sogno continua. I sardi si salvano ma la squadra ha bisogno di vari cambiamenti. Festeggia la permanenza in serie A in grande stile la Spal che stende 3-1 la Spal con una doppietta del suo trascinatore, Antenucci, che chiude a quota 11.

Una grossa mano la da’ pero’ Caprari che prima procura un rigore e poi si fa espellere alla mezz’ora per un doppio giallo. La neopromossa rimane in serie A con pieno merito. Chievo e Udinese timbrano la salvezza con una vittoria di misura.

I veneti regolano il Benevento con un gol di Inglese, prossimo alla partenza per Napoli. I friulani si impongono con un bel gol di Fofana a un Bologna da tempo in vacanza. Nel pomeriggio convincente vittoria del Torino in casa del Genoa che aumenta le recriminazione del club granata per un torneo troppo altalenante.