Lazio

Coppa Italia, Lazio-Parma 2-1: Perea doppietta decisiva

Lazio-Parma, formazioni Coppa Italia: Reja punta ancora su Berisha e Keita (LaPresse)

Lazio-Parma, formazioni Coppa Italia: Reja punta ancora su Berisha e Keita (LaPresse)

ROMA, STADIO OLIMPICO – La Lazio  si qualifica ai quarti di finale di coppa Italia.

Lo fa battendo il Parma per 2-1 (di Biabiany il gol del momentaneo pari degli emiliani) grazie ad una doppietta del giovane colombiano Perea, che allo scadere regala alla formazione di Reja il gol-vittoria che vale i quarti di finale dove i biancocelesti affronteranno la vincente di Napoli-Atalanta, in programma domani.

La Lazio, che la coppa Italia la detiene, fa il suo ingresso nella competizione questa sera e, seppur con difficoltà conquista la qualificazione che si era prefissata.

Onore comunque al Parma, che si conferma squadra compatta e ordinata. Agli emiliani manca la zampata vincente nella ripresa, pur sfiorata, in due occasioni, con Sansone. Lazio e Parma si affrontano con formazioni abbastanza diverse: turnover quasi totale per i biancocelesti, appena accennato per i ducali.

Edy Reja, da due partite sulla panchina bianconceleste decide per il turn over: spazio in difesa alla coppia Ciani-Novaretti, con il rientro di Konko e Radu sulle fasce. A centrocampo, si rivedono Onazi con Biglia, e Felipe Anderson, Ederson e Keita alle spalle di Perea. Donadoni rilancia Antonio Cassano dal primo minuto, supportato sulle corsie da Biabiany e Sansone e dà un po’ di riposo a Palladino (che subentrerà nella ripresa) e Amauri.

La prima palla gol è della Lazio dopo appena 2′: cross di Biglia su corner, Radu prolunga di testa per Perea che per un soffio non raggiunge il pallone. Nell’azione ha la peggio il portiere del Parma Bajza, colpito al volto: il gioco resta fermo circa tre minuti per consentire all’estremo difensore emiliano di farsi medicare.

Il Parma si dimostra squadra compatta e ordinata, a conferma di quanto di buono sta facendo in campionato, qualche difficoltà in più sembra incontrarla invece la Lazio ma sono proprio i biancocelesti a rendersi pericolosi in più di un’occasione e a trovare, al 25′ il gol del vantaggio con Perea, abile a sfruttare un mezzo pasticcio di Bajza che respinge corto un tiro dal limite di Anderson: per il colombiano ribattere a rete è un gioco da ragazzi. Il Parma reagisce e si rende subito pericoloso con Cassano (28′) con un destro a giro subissato dai fischi dei tifosi laziali. Il Parma reagisce con piglio e si rende pericoloso ancora con Cassano e poi con Parolo (34′) il cui diagonale viene respinto in angolo. La Lazio prova a controllare ma subisce il pareggio al 43′, complice una disattenzione collettiva della difesa: cross dalla destra di Cassani, Biabiany, appostato sul secondo palo viene lasciato completamente solo, cade, ha il tempo di rialzarsi e palla al piede mirare all’angolino battendo Berisha.

Nel recupero della prima frazione i padroni di casa vanno vicini al vantaggio con una punizione dal limite sulla quale il portiere slovacco del Parma ha ancora una indecisione, deviando in angolo. Nella ripresa, dopo un affondo di Onazi (3′) la cui conclusione dal limite è bloccata da Bajza, è il Parma a rendersi pericoloso in più di una occasione con Gargano (5′) imbeccato da Cassano e Biabiany (9′).

Al 23′ il Parma ha una occasione d’oro per passare in vantaggio con Sansone che su cross di Gobbi sbaglia da un metro colpendo debolmente con Berisha che blocca il pallone sulla linea. Reja manda in campo Candreva per dare maggiore spinta, Donadoni opta per Palladino. Gli emiliani sembrano piu’ pericolosi mentre la manovra della Lazio sembra pi macchinosa.

Quando la partita sembra avviata verso i supplementari, al 91′ arriva il gol che regala la qualificazione ai quarti alla Lazio: è ancora Perea (su assist di Candreva e con la complicità di Marchionni)) a battere Bajza, e segnare in extremis il 2-1 che porta la formazione di Reja ai quarti.

  FORMAZIONI UFFICIALI LAZIO-PARMA 
Lazio (4-2-3-1) – Berisha; Konko, Ciani, Novaretti, Radu; Biglia, Onazi; Anderson, Ederson, Keita; Perea   Parma (4-3-3) – Bajza; Cassani, Felipe, Paletta, Gobbi; Parolo, Marchionni, Gargano; Biabiany, Cassano, Sansone.

To Top