Calciomercato Lecce, Chevanton verso l’addio. Salentini su Hallenius e Destro del Genoa

Pubblicato il 28 Gennaio 2011 20:00 | Ultimo aggiornamento: 28 Gennaio 2011 20:00

Chevanton

LECCE – Javier Chevanton è pronto a dire addio al Lecce e a rescindere il contratto con la società. “L’allenatore Di Canio mi ha mancato di rispetto come persona e come giocatore. Penso che sia arrivato il momento di farsi da parte ed andare via”. Questo il messaggio dell’attaccante uruguaiano attraverso i microfoni di Radio Sport 890 di Montevideo.

L’apporto di Chevanton alla stagione del Lecce era stato sin qui impalpabile: 245 minuti di campionato e zero gol, per un totale di sole 5 presenze ed un’espulsione sanzionata con 5 giornate di squalifica, poi ridotte a 4. Due gol li ha segnati, ma in Coppa Italia. Un addio amaro per il calciatore esploso proprio all’inizio degli anni Zero nel club salentino.

“Non è un problema per me, dipende dal club – ha proseguito l’attaccante – in prestito non posso andare quindi dovrei rescindere col Lecce. In questi giorni parlerò con il mio agente e i dirigenti per tentare di risolvere questa situazione il più presto possibile. Ho detto ai miei rappresentanti che se non c’è la possibilità di restare in Europa, andrò al Nacional (Montevideo, ndr). Penso che entro sabato deciderò cosa fare”.

Al momento però il club di Montevideo sembra non abbia ancora fatto una proposta al giocatore dopo avere ingaggiato l’attaccante Bruno Fornaroli dalla Sampdoria. Chevanton non ha mercato e se ne va alla sua maniera sbattendo la porta esattamente come aveva fatto il 13 luglio 2004 lasciando il Lecce, che incassò dalla cessione 10 milioni, per approdare al Monaco di Deschamps con grande delusione di Maurizio Zamparini che lo aspettava a Palermo.

“Il mio è soltanto un arrivederci, tornerò in Italia da protagonista” disse sette anni fa prima di andare a Montecarlo, ma è andata in maniera diversa complici i tanti infortuni che ne hanno limitato fortemente la carriera. A Siviglia dal 2006 al 2010 ha giocato solo 34 partite (8 gol), ed il suo penultimo club, l’Atalanta, desideroso di risalire al più presto in A, lo ha lasciato libero dopo 12 partite, 2 reti e l’ennesimo problema muscolare da risolvere.

Un addio che non poteva arrivare in un momento peggiore per l’attacco del Lecce, già orfano del nigeriano Ofere che starà fuori per infortunio almeno 4 mesi. Il mercato ci sarebbe anche ma mancano pochi giorni alla chiusura e bisogna dunque fare in fretta. I nomi nuovi sono quelli di Linus Hallenius centravanti dell’Hammarby, seconda divisione svedese, acquistato dal Genoa e che potrebbe essere girato in prestito ai giallorossi, e di Mattia Destro che in quanto ad esperienza e conoscenza del campionato italiano offre ampie garanzie.