Lecco: contestato il prosidente Joseph Cala, aggrediti calciatori

Pubblicato il 10 agosto 2012 13:58 | Ultimo aggiornamento: 10 agosto 2012 13:59

Joseph Cala

LECCO – Giocatori aggrediti, proteste, contestazione alla nuova società.  Il calcio Lecco è senza pace dopo il passaggio di proprietà all’italo-statunitense Joseph Cala della società, retrocessa dalla Seconda divisione alla Serie D. La presentazione della nuova squadra, giovedì 9 agosto, si è infatti tradotta  in una serie di ulteriori incertezze in quanto solo una parte dei giocatori presi in considerazione risulta essere stata tesserata.

I tifosi più accesi si sono radunati di fronte alla sede della società  protestando e tirando anche due bombe carta, contestando il presidente e aggredendo alcuni giocatori. Polizia e carabinieri hanno fatto da cuscinetto.

Per tutta risposta Joseph Cala si è limitato a dire che se qualcuno volesse la squadra, deve solo pagare i 100mila euro che dice di avere speso finora e si accolli il milione euro di debiti pregressi, altrimenti se la terrà stretta.