Leicester, il terribile video dello schianto dell’elicottero di Vichai Srivaddhanaprabha

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 Ottobre 2018 20:39 | Ultimo aggiornamento: 29 Ottobre 2018 20:40
Leicester, il terribile video dello schianto dell'elicottero di Vichai Srivaddhanaprabha

Leicester, il terribile video dello schianto dell’elicottero di Vichai Srivaddhanaprabha

LEICESTER (INGHILTERRA) – I media inglesi hanno diffuso le immagini del terribile schianto dell’elicottero del presidente del Leicester Vichai Srivaddhanaprabha. Il magnate thailandese ha perso la vita in compagnia di cinque assistenti. Nessun membro della sua famiglia, né il figlio, né la figlia, era presente sull’aereo.

Addolorato, commosso, affranto, Claudio Ranieri ha aspettato due giorni per esprimere il suo dolore per la scomparsa del presidente del Leicester, Vichai Srivaddhanaprabha, morto sabato nell’incidente che ha coinvolto il suo elicottero. Artefice insieme all’imprenditore thailandese del ‘miracolo Leicester’, l’ex tecnico delle Foxes ha scelto Sky Sport per ricordare “un uomo buono e illuminato”.

“E’ una notizia che mi ha scosso tremendamente – ha esordito un commosso Ranieri -. Era un uomo d’oro, aveva sempre parole positive per tutti. La cosa che mi colpiva era questa sua positività, il suo voler far bene, non ha mai fatto pesare a nessuno un risultato negativo, veniva nello spogliatoio e dava la carica, sembrava un padre e dava tranquillità a tutti”.

Poi, spazio ai ricordi: “Quando l’ho incontrato per la prima volta mi aveva detto di tenere il Leicester in Premier…. Se chiudo gli occhi e penso a lui, lo vedo sempre con il sorriso sulle labbra. Come quella volta in cui era appena passato il mio compleanno e si presentò con una torta gigante e insieme alla squadra cantarono ‘happy birthday’, cose che in Italia non sarebbero mai successe”.

“Adesso per me è difficile parlare – chiude Ranieri – sono molto rattristato e mi unisco al dolore della famiglia, perché è una famiglia molto unita e ora voglio solo stare vicino a loro”. Ranieri crede comunque che non tutto finirà: “La ‘legacy’ del Leicester continuerà – dice – il figlio (Aywatt, ndr) ha tutte le carte per poter proseguire sulle orme del padre”.