Liga: Barcellona campione da record

Pubblicato il 17 maggio 2010 8:29 | Ultimo aggiornamento: 17 maggio 2010 9:23

Lionel Messi

E’ festa grande sulle Ramblas: dopo settimane di suspance ‘la migliore squadra del mondo’, il Barcellona di Pep Guardiola all’ultima partita ha vinto il campionato di Liga e lascia a ‘zero titoli’ il Real Madrid galactico da un quarto di miliardo di euro di Florentino Perez.

Il Barcellona ha superato 4-0 al Camp Nou – doppietta di Leo Messi – il Valladolid, condannando i castigliani alla retrocessione. Il Real, che il tecnico cileno Manuel Pellegrini forse ha guidato per l’ultima volta, è stato fermato sul pareggio 1-1 in casa del Malaga.

I blaugrana, dopo avere vinto tutto quello che era possibile vincere l’anno scorso scorso, con il tris Liga-Coppa-Champions, salvano la stagione conquistando il ventesimo titolo della storia. In Coppa del Re erano usciti ai quarti, in Champions in semifinale contro l’Inter. E Messi, con 34 gol, è capocannoniere, il ‘pichichi’. Per i blancos non poteva finire peggio. Secondi in Liga a tre punti dai nemici storici del Barca, eliminati e umiliati negli ottavi di Coppa del Re dall’Alcorcon, squadra di serie C, fuori negli ottavi anche in Champions contro il Lione.

Le due squadre hanno avuto problemi con alcuni neo-acquisti eccellenti, come Ibra nel Barca e Kakà nel Real che non hanno dato i risultati sperati e sono stati l’ombra di quello che erano in Inter e Milan. In Liga paradossalmente il Real non ha vinto pur ottenendo risultati record e facendo meglio di qualsiasi campione precedente: 96 punti e 102 gol, più anche delle sole due squadre merengue, allenate da Fabio Capello e Berndt Schuster, che siano riuscite a vincere la Liga dal 2003. Ma è vero che quest’anno ci sono state due Liga: quella delle due corazzate Barca e Real, finite a 99 e 96 punti dopo avere travolto praticamente tutte le altre (1 sola sconfitta per i blaugrana). Il terzo, o meglio il primo della “Liga degli esseri umani”, come ha scritto Marca, il Valencia, è staccato di quasi 30 punti, a quota 71. Per Pellegrini l’addio sembra vicino.

Da settimane è seduto su una panchina instabile, fra voci di un possibile arrivo di Mourinho o di altre star del calcio europeo. Oggi il portoghese ha detto di essere ancora “lontano” dal Real. Il manager dei blancos Jorge Valdano non si è scomposto. “In questo momento ha altre battaglie da portare a termine” ha detto, alludendo alla finale di Champions. Poi si vedrà. Intanto Valdano ha fatto capire che Pellegrini potrebbe essere vicino all’uscita.

“Si apre un dibattito nel club. Nei prossimi giorni prenderemo una decisione”