Livorno, furia Spinelli: “Collina se ne deve andare e se continua così ritiro la squadra”

Pubblicato il 22 Febbraio 2010 16:47 | Ultimo aggiornamento: 22 Febbraio 2010 16:48

Semplicemente furioso. Il presidente del Livorno, Aldo Spinelli, non ha mandato giù la sconfitta di domenica con laFiorentina e si scaglia contro il designatore, Pierluigi Collina: «Stare zitti è impossibile, non si possono subire questi torti e non parlare. Cosa fare? Si deve rivedere tutto il settore arbitrale, Collina se ne deve andare. Forse con queste parole mi condanno, ma non posso stare in silenzio».

Spinelli è convinto che la sconfitta del Livorno a Firenze sia stata provocata dalle decisioni dell’arbitro Celi, colpevole di non aver espulso il viola Donadel e di non aver fischiato per un fallo da rigore di Natali su Lucarelli: «Ho visto la tv, stamane ho letto i giornali. C’era un rigore per noi, un rigore che non si può non vedere. Ho provato a chiamare Nicchi però non mi risponde. Le piccole squadre sono massacrate dagli arbitri. Che dobbiamo fare? – spiega il presidente del Livorno a Calciomercato.it – Lotteremo qualche altra giornata, poi ritiro la squadra, tanto che continuiamo a fare? Ci sono società che lottano per la sopravvivenza, ma vengono sempre colpite dalle decisioni arbitrali. Gli arbitri sono pagati dai club, ed è un mio diritto quindi lamentarmi e parlare con Nicchi, almeno per sentirmi dire che ho ragione».