Lucy Oliver, moglie arbitro del rigore al Real, minacciata di morte sui social

di Redazione Blitz
Pubblicato il 15 aprile 2018 10:46 | Ultimo aggiornamento: 15 aprile 2018 10:46
Lucy Oliver, moglie arbitro del rigore al Real Madrid contro la Juve, minacciata di morte sui social

Lucy Oliver, moglie arbitro del rigore al Real, minacciata di morte sui social (nella foto Ansa, le proteste dei giocatori della Juve contro l’arbitro)

ROMA – Minacciata di morte la moglie dell’arbitro che ha dato il rigore al Real Madrid contro la Juventus.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

Minacce di morte verso il marito e insulti sessisti hanno inondato gli account social di Lucy Oliver, la moglie dell’arbitro che ha diretto il quarto di finale di Champions League Real-Juve, mercoledì scorso. Lo riporta la Bbc che pubblica alcune frasi offensive rivolte alla signora, anche lei arbitro del campionato di calcio femminile, tradotte dall’italiano all’inglese.

“Devi crepare tu e quel pezzo di merda di tuo marito”, scrive un tifoso su Twitter. “Mena tuo marito bastardo”, attacca un altro. La polizia britannica ha aperto un’indagine e chiuso tutti gli account ma la moglie di Michael Oliver ha ricevuto messaggi minacciosi anche sul cellulare, il cui numero inspiegabilmente era stato pubblicato sui social.

La partita si era conclusa in modo drammatico per la Juve con l’espulsione del capitano Gigi Buffon al 93/o e il rigore segnato da Cristiano Ronaldo che ha permesso al Real di accedere alle semifinale. Al termine, tra le altre dichiarazioni, Buffon ha criticato la scelta di un arbitro così giovane, 33 anni, per una gara di quella portata.

Ma questo è il minimo, perché Buffon ha pesantemente insultato il direttore di gara, sia a caldo (dicendo per esempio che ha un “bidone dell’immondizia al posto del cuore”) sia a freddo, confermando a Le Iene tutte le parole dette dopo la partita.

Sicuramente l’atteggiamento di Buffon e della dirigenza juventina (Andrea Agnelli in testa) ha alimentato un clima di caccia alle streghe e ha inasprito gli animi dei tifosi, che forse si sono sentiti “più autorizzati” a denigrare l’arbitro.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other