Manovra, Bersani attacca i calciatori: “Chi paga? Non mi importa ma paghino”

Pubblicato il 27 Agosto 2011 13:21 | Ultimo aggiornamento: 27 Agosto 2011 13:21

Bersani attacca l'intero sistema calcistico

Roma-  ”Che il contributo di solidarieta’ lo paghi il presidente della societa’ o il calciatore non me ne puo’ fregare di meno. Basta che qualcuno paghi e basta che non usino questi diversivi, come ha fatto Calderoli, per far dimenticare alla gente che in questa manovra c’e’ ben altro”.

Lo afferma il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, riferendosi allo sciopero dei calciatori sulla manovra.

Interpellato sul tema, Bersani ci pensa un attimo prima di rispondere. Poi accenna a un sorriso e parte: ”con tutti i problemi che abbiamo vorrei che gli italiani almeno quell’ora e mezza la domenica la partita se la possano vedere, almeno quello…”.

Quanto a chi deve pagare il contributo Bersani osserva: ”ricordo che i calciatori fanno i contratti al netto. Siamo arrivati a delle forme che, o le prendiamo alla radice, oppure poi non possiamo stupirci delle loro assurdita”’.