Marco Amelia: “Quel pugno a Bonera… Seedorf un grande”

di redazione blitz
Pubblicato il 27 Ottobre 2015 19:02 | Ultimo aggiornamento: 27 Ottobre 2015 19:02
am

Amelia nella foto LaPresse

ROMA – Marco Amelia, attuale portiere del Chelsea, svela dei retroscena sulla sua carriera in una intervista rilasciata a Libero. Dal pugno a Daniele Bonera al rapporto speciale con Clarence Seedorf.

“Dopo una giornata a casa Milan io e El Shaarawy ci fermiamo a firmare autografi con i tifosi. Gli altri salgono sul pullman. Un dirigente mi chiede di convincere la squadra a scendere. Qualcuno mi risponde ‘non ho voglia’ – racconta in un’intervista a Libero – Poi lo stesso dirigente ‘invita’ tutti a darsi una mossa. Tornati sul pullman sento delle battute che non mi piacciono, tra me e Bonera volano parole grosse, non ci vedo più e lo colpisco. I compagni mi bloccano, altrimenti ne avrei colpiti molti di più. C’erano 400 tifosi, ci vuole più rispetto. Con Daniele era finita lì, la cosa inaccettabile è stata trovare questa storia sui giornali. Se in uno spogliatoio ci sono le talpe non si va lontano”.

Arrivo al Milan nel 2010, ci resto fino al 2014 – dice – Mi chiama Galliani, ma le cose per me non vanno bene fin dall’inizio. Per giocare devo sperare nell’infortunio di Abbiati. Per un periodo sono anche titolare ma poi Allegri mi esclude senza motivo. Nel gennaio 2014 decido di andare via ma Seedorf mi dice di restare. Non ci penso due volte – prosegue Amelia – è un maestro. Io e Kakà leggiamo che alcuni compagni hanno chiesto la testa di Seedorf a Berlusconi, chiediamo nello spogliatoio e ci dicono che non è vero. Fosse vero, sarebbe una schifezza, io che con Allegri non avevo rapporti non mi sono mai sognato di ostacolarlo. È stato un errore grave sostituirlo, con lui il Milan aveva regole e disciplina”.

“Spogliatoio Chelsea contro José Mourinho? Balle – conclude – tutte balle. Siamo più uniti che mai, in difficoltà ma uniti. Mourinho vuole che io dia consigli, qui sono tutti fenomeni ma hanno pur sempre 20 anni”.