Marco Sguaitzer è morto, ex calciatore Mantova era il simbolo della lotta contro la Sla

di Redazione Blitz
Pubblicato il 2 marzo 2019 16:29 | Ultimo aggiornamento: 2 marzo 2019 16:31
Marco Sguaitzer è morto, ex calciatore Mantova era il simbolo della lotta contro la Sla

Marco Sguaitzer è morto, ex calciatore Mantova era il simbolo della lotta contro la Sla

MANTOVA – Si è spento questa mattina Marco Sguaitzer, 60 anni il 4 luglio prossimo, ex calciatore del Mantova. Era ricoverato da giorni nell’ospedale del capoluogo: da anni lottava contro la Sla ed era diventato uno dei maggiori testimonial per la lotta contro questa terribile malattia. Sguaitzer aveva giocato per due anni nel Mantova, in serie C, negli anni ’70; poi, a causa di vari infortuni alle ginocchia, aveva abbandonato l’attività calcistica.

Nel 2008 l’impietosa diagnosi l’aveva trasformato in un coraggioso combattente. Con il suo libro ‘Oltre ogni limite’ e altre attività, fino all’ultimo aveva raccolto fondi per la ricerca medica e infuso forza ai molti colpiti dalla sua stessa malattia, e non solo.

Marco Sguaitzer, sui social lo ricordano con grande affetto

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Addio a Marco Sguaitzer. Era il simbolo della lotta contro la Sla. #marcosguaitzer #lottaallasla

Un post condiviso da AC CASTELLANA (@accastellana) in data:

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Ciao Marco, ci hai insegnato tante cose. E non ne dimenticheremo nessuna. Ti vogliamo bene. Riposa in pace. #marcosguaitzer #maimolar #senzalimitealcuno

Un post condiviso da FC Castiglione srl (@fccastiglioneasd) in data:

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Penso che questa sia una delle foto più belle e sincere che mi siano mai state scattate da quando gioco a basket. Avevo già sentito parlare di Marco nel mondo dello sport, ma poi ho avuto la fortuna di conoscerlo, di parlarci molto spesso tramite i social e, soprattutto, di leggere il suo libro. Non c’è persona che io abbia incontrato che riflette meglio di lui il significato del tatuaggio sul mio avambraccio, e il gesto di voler venire fino a Voghera a vedere la partita (e soprattutto a portare bene alla squadra 😬) lo dimostra ancora di più. Sei un bomber vero! 🙌🏻 Grazie Marco e a tutti coloro che rendono possibile questa trasferta e grazie ad Andrea Ferrari per aver immortalato questa bellissima foto. #talismano #MarcoSguaitzer #trasfertatime #gostingsgo #onegoal #fssub #🍀 #SenzaLimiteAlcuno #YouLiveOnlyOnce #MakeItHappen

Un post condiviso da Andrea Casella (@andrekas4) in data:

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

La mia mattinata è trascorsa così, tra le righe di questo meraviglioso libro. Non è da me consigliare testi ma questa volta non posso esimermi dal farlo perché attraverso queste pagine, ed il racconto della vita e dei suoi cambiamenti dopo l’incontro con la SLA, ci si ricorda del valore stesso della Vita, della ricchezza delle piccole cose del quotidiano, e credetemi che, anche se noi tutti ne siamo convinti a priori, queste parole ti entrano nell’anima e ti muovono veramente nel profondo. Con questo “manifesto per la Vita”, come lo chiama Marco, potrete aiutare tante persone malate e nel contempo migliorare anche il vostro quotidiano, credetemi. Se unisco i numeri di Instagram, Facebook e Twitter siete quasi 300.000…un numero enorme (e vi ringrazio di cuore per il vostro calore e la vostra amicizia), provate a pensare cosa possiamo fare se ci muoviamo insieme!!! Amici, questo è il libro e questo il sito: www.noallasla.it Conto su di voi ❤️ #barbarapedrotti #marcosguaitzer #sla #libro #coraggio #amore #passione #aiuto

Un post condiviso da Barbara Pedrotti (@barbarapedrotti) in data:

(fonte: Ansa).