Marotta-Juve, dolcissimo addio: stipendio da 5,6 milioni di euro

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 ottobre 2018 9:31 | Ultimo aggiornamento: 5 ottobre 2018 9:32
Marotta-Juve, dolcissimo addio: stipendio da 5,6 milioni di euro

Marotta-Juve, dolcissimo addio: stipendio da 5,6 milioni di euro

ROMA – Pur messo alla porta dopo sette anni di successi, l’ormai ex ad della Juventus Giuseppe Marotta s’è congedato con grande stile, omaggiato dai tifosi allo stadio, con il pieno di complimenti di tutti i club rivali che adesso fanno a gara per assicurarsene i servigi. E uno stipendio per l’ultima stagione tutt’altro che disprezzabile: 5,6 milioni di euro, la cui fetta maggiore deriva dai premi legati ai risultati. 

Nell’esercizio 2017/18 chiuso il 30 giugno scorso a Marotta è stato accreditato – si può leggere sul Sole 24 Ore – “uno stipendio  fisso di 1,5 milioni, un bonus variabile di 500mila euro «legato al raggiungimento di obiettivi assegnati a inizio esercizio», 100mila euro per la vittoria dello scudetto e 502mila euro per retribuzione in qualità di dirigente”. Cui va aggiunta la parte più sostanziosa: 3 milioni di euro per il cosiddetto Long Term Incentive Plan, “cioè un piano di incentivi stabilito su un orizzonte temporale di quattro anni (dal 2014 al 2018)”.

Marotta è tornato ad abitare a Milano, dopo che prima di Napoli-Juventus la società ha rivelato che non sarebbe stato più nell’organigramma dirigenziale non si è più fatto vedere dalle parti bianconere. Sembra che l’Inter sia fra le più interessate ad averlo, ma anche dalla Federazione sono giunte parole di miele pur di aggregarlo al Club Italia.