Milan a caccia di difensori: Upamecano, Pezzella e Nastasic nel mirino

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 luglio 2019 17:30 | Ultimo aggiornamento: 11 luglio 2019 17:30
Milan a caccia di difensori: Upamecano, Pezzella e Nastasic nel mirino

Upamecano, qui con la maglia del Lipsia, è un obiettivo del Milan. EPA/ROBERT PERRY

MILANO – Dopo aver rinunciato alla partecipazione all’Europa League, il calciomercato del Milan è entrato nel vivo secondo le indicazioni impartite dal nuovo allenatore Marco Giampaolo a Massara ed agli altri uomini mercato dei rossoneri. 

Il Milan deve rifare la difesa, reparto che lo scorso anno non ha reso secondo le aspettative di inizio stagione. Nel mirino dei rossoneri, ci sono tre nomi: Nastasic dello Schalke 04, Upamecano del Red Bull Lipsia e Pezzella della Fiorentina. 

Il Milan ha le idee chiare sulla strategia da portare avanti. I rossoneri vogliono acquistare questi calciatori con la formula del prestito con diritto o obbligo di riscatto la prossima estate. Al momento, nessuno dei tre è favorito sugli altri perché sono trattative che sono appena iniziate. 

5 x 1000

Milan. Capitolo nuovo San Siro, Gazidis: “E’ fondamentale per generare nuovi ricavi”.

Il nuovo stadio di San Siro è necessario per riposizionare Inter e Milan ai vertici del calcio mondiale. “Le regole del Fair-play finanziario – sottolineano Alessandro Antonello, Paolo Scaroni e Ivan Gazidis – ci impongono di generare nuovi ricavi, pertanto un impianto moderno, tecnologico e inclusivo è un passaggio obbligato per poter competere con gli altri top club del calcio mondiale.
    Abbiamo il dovere di far rivivere alle nuove generazioni le stesse emozioni, le stesse vittorie che fanno parte del Dna dei nostri club”.

Sulla realizzazione di un nuovo stadio di Inter e Milan e del conseguente abbattimento di San Siro “credo che si aprirà anche un bel dibattito politico perché lo stadio di San Siro ha un ruolo importantissimo. Quindi prima capiremo tecnicamente i contenuti della proposta e poi andremo in Consiglio comunale”.

Lo ha chiarito il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, commentando, a margine della cerimonia per i 40 anni della morte di Giorgio Ambrosoli al Palazzo di giustizia, il masterplan consegnato ieri dalle squadre (fonte Ansa).