Milan, 400 milioni di deficit in dieci anni. Non sempre spendere basta per vincere

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 Dicembre 2019 14:09 | Ultimo aggiornamento: 6 Dicembre 2019 14:09
Milan, Ansa

(foto d’archivio Ansa)

ROMA – Tra il 2009 e il 2019 il Milan, secondo un report dell’Osservatorio internazionale Cies, ha accumulato un deficit di 438,8 milioni di euro.

Il Milan, secondo il report, è la squadra italiana messa peggio davanti a Juventus (-413,7) e Inter (391,1).

I rossoneri sono quinti in Europa.

Questa la top ten a livello europeo: primo, naturalmente, il Manchester City (con la modica cifra di un miliardo e 91 milioni), seguono Paris Saint Germain (-901,3 milioni di euro) e il Manchester United (-832,6). Ai piedi del podio troviamo il Barcellona (-720,5), poi, dopo il Milan, Real Madrid (-425), Juventus , Chelsea (-395,4), Inter e Arsenal (-365,7).

Tredicesimo il Liverpool (-277 milioni), sedicesimo il Tottenham (-143,9) e diciassettesimo l’Atletico Madrid (-100,4).

Ok. E i club in attivo?

Al primo posto c’è il Lille (+249,3 milioni di euro) ma tra le prime posizioni troviamo anche il Genoa (+193,3 milioni) e l’Udinese (+168,3 milioni).

Quindi? Quindi possiamo dire che spendere non sempre basta. Aiuta, aiuta tanto, ma non sempre basta. Lo dimostra il caso del Manchester City che con oltre un miliardo di deficit non è comunque riuscito fin qui a vincere la Champions League. Lo dimostra anche il caso del Manchester United che in questi ultimi anni non si è certo imposta come una delle squadre più forti del mondo. Lo dimostra anche l’Arsenal.

Lo dimostra, soprattutto, il Milan che, secondo il rapporto, ha speso tanto, tantissimo ma negli ultimi dieci anni, evidentemente, non ha vinto abbastanza (l’ultimo scudetto è della stagione 2010/2011) rispetto a quanto speso. 

Fonte: Cies, Il Corriere della Sera.