Piatek segna e Donnarumma para, Milan batte Frosinone e vola in zona Champions

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 19 maggio 2019 19:23 | Ultimo aggiornamento: 19 maggio 2019 19:51
Milan-Frosinone 0-0, rossoneri a caccia di un posto Champions

Milan-Frosinone, Piatek nella foto Ansa

MILANO – Primo posticipo della 37esima giornata di Serie A, Milan-Frosinone 2-0, gol: Piatek al 56′ e Suso al 65′.
Aspettando Juventus-Atalanta, il Milan ha fatto il suo dovere battendo il Frosinone a agganciando i bergamaschi al quarto posto in classifica, in piena zona Champions. Se rossoneri e nerazzurri dovessero terminare il campionato con gli stessi punti, in Champions League andrebbe il Milan per il vantaggio negli scontri diretti. Il Milan ha vinto a Bergamo e pareggiato a San Siro. La gara contro il Frosinone si è rivelata più difficile del previsto. Al 49′, gli ospiti sarebbero potuti passare in vantaggio ma Donnarumma è stato bravissimo a parare il rigore calciato da Ciano. Dopo questo incredibile spavento, il Milan è andato a vincere la partita con i gol di Piatek e Suso. 

Milan-Frosinone 2-0, Donnarumma e Piatek decisivi. 

Dopo il pareggio della Roma a Reggio Emilia, il Milan è motivato a battere il Frosinone per tornare in zona Champions. Al 3′, la prima conclusione a rete è dei rossoneri. Suso calcia con potenza dal limite dell’area di rigore ed impegna Bardi ad una parata non semplice. Al 9′, Zampano cerca il gol da posizione defilata ma non trova lo specchio della porta rossonera.

Al 22′, Suso ha sfiorato il gol con un tiro cross che è stato sfiorato da Fabio Borini prima di uscire di un soffio. Al 29′, Bakayoko è andato vicino al gol con un gran tiro al volo da fuori area di rigore, la sua conclusione a rete è uscita di un soffio. Al 36′, Suso ha servito Paquetà ma il brasiliano ha calciato malamente sul fondo. Il primo tempo è terminato sul risultato di zero a zero

5 x 1000

Al 47′, l’arbitro Manganiello ha assegnato un calcio di rigore al Frosinone per un fallo di Ignazio Abate ai danni di Paganini. Donnarumma ha parato il rigore calciato da Ciano. Gol sbagliato, gol subito. Al 56′, il Milan è passato in vantaggio con Piatek. Il bomber polacco è partito sul filo del fuorigioco e ha insaccato in rete dopo una conclusione sbagliata di Borini. 

Il Milan raddoppia al 65′. Suso trasforma una punizione dal limite dell’area di rigore del Frosinone. Capolavoro balistico di Suso. La palla tocca prima la traversa e poi si infila in fondo al sacco. E’ finita, il Milan ha vinto contro il Frosinone e si è portato in zona Champions. 

Milan-Frosinone, le scelte di Rino Gattuso e Marco Baroni.

Il Milan tenta l’aggancio alla zona Champions con il 4-3-3. Gattuso punta su un modulo tattico molo offensivo con Donnarumma confermato tra i pali. Davanti a lui Abate come terzino destro, Rodriguez come terzino sinistro e Musacchio con Romagnoli al centro della difesa. Centrocampo a tre con Calhanoglu in cabina di regia e con Kessié e Bakayoko nella zona mediana del campo. Tridente con Piatek centravanti con Suso e Borini sulle corsie esterne.

Il Frosinone, già retrocesso in Serie B, risponde con un modulo più prudente come il 3-5-2. Tra i pali, spazio a Bardi. Davanti a lui una difesa a tre con Goldaniga, Ariaudo e Brighenti. Centrocampo folto, a cinque, con Paganini, Maiello, Sammarco, Beghetto e Zampano. Tandem offensivo con Trotta centravanti e Ciano seconda punta.

Milan-Frosinone, le formazioni ufficiali della partita.
MILAN (4-3-3): Donnarumma; Abate, Musacchio, Romagnoli, Rodriguez; Kessié, Bakayoko, Calhanoglu; Suso, Piatek, Borini. All. Gattuso.

FROSINONE (3-5-2): Bardi; Goldaniga, Ariaudo, Brighenti; Paganini, Maiello, Sammarco, Beghetto, Zampano; Ciano, Trotta. All. Baroni.

ARBITRO: Manganiello di Torino.