Milan, Honda ci prova: “Se serve aiuto… chiamatemi pure”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 Settembre 2019 13:54 | Ultimo aggiornamento: 30 Settembre 2019 13:54
Keisuke Honda, Ansa

Keisuke Honda (foto Ansa)

ROMA – Lo svincolato Honda, via Twitter, si offre al Milan e al Manchester United.

“Ho sempre voluto aiutarvi – ha scritto su Twitter il giapponese taggando il Milan – chiamatemi quando vi serve!”

Milan, Giampaolo a rischio. Parte il toto-allenatore: da Gattuso a… Ranieri

Dopo la sconfitta con la Fiorentina ora Giampaolo rischia davvero il posto. D’altronde la situazione in classifica si è fatta veramente delicata: il Milan, infatti, galleggia poco sopra la zona retrocessione con sei punti, appena tre punti in più rispetto alla Sampdoria ultima.

Poco, davvero troppo poco, per il club rossonero. Tanto che ora iniziano già a circolare alcuni nomi. Maldini davanti alle telecamere ha giurato fiducia al tecnico ma, come racconta la Gazzetta dello Sport, Boban, lo stesso Maldini e il d.s. Massara sono rimasti fino a notte fonda a San Siro per cercare una soluzione.

Insomma: chi potrebbe prendere il posto di Giampaolo? Ecco l’elenco dei nomi che stanno circolando in queste ore.

Partiamo, naturalmente, da Gattuso. E’ lui, fin qui, il nome più citato per la successione a Giampaolo. Gattuso, sostituito proprio con Giampaolo, potrebbe tornare a Milano per togliersi qualche sassolino dalle scarpe. Resta da capire quanto i dirigenti del Milan siano disposti a rimangiarsi progetti e strategie dopo le decisioni della scorsa stagione.

Altro nome che circola in queste ore è quello di Luciano Spalletti. L’ex tecnico dell’Inter potrebbe tornare a Milano per cercare rivincite dopo essere stato sostituito da Antonio Conte in casa Inter.

Un’altra pista porta in Francia. Parliamo dell’ex allenatore della Roma Rudi Garcia, reduce dall’esperienza col Marsiglia.

In lista poi c’è anche Claudio Ranieri e c’è chi dice persino Arsene Wenger.

L’ultimo nome è forse il più improbabile di tutti: Massimiliano Allegri. 

Per Allegri sarebbe un ritorno. Con lui il Milan ha vissuto la sua ultima stagione felice, con la vittoria dello scudetto nel 2011.

Resta con Allegri lo scoglio ingaggio. Non proprio un piccolo problema. Il tecnico di Livorno, infatti, ha ancora un anno di contratto con la Juventus. Anno pagato 7,5 milioni.