Serie A, Milan-Juventus 1-1: gol di Nocerino, Matri e… Muntari

Pubblicato il 25 Febbraio 2012 22:51 | Ultimo aggiornamento: 25 Febbraio 2012 23:46

Massimiliano Allegri (LaPresse)

Il gol fantasma di Muntari

MILANO, STADIO GIUSEPPE MEAZZA “SAN SIRO” – Milan-Juventus 1-1, gol: Antonio Nocerino 14′ (M), Alessandro Matri 85′ (J).

È successo di tutto nell’attesissima partita scudetto tra il Milan e la Juventus allo Stadio Giuseppe Meazza “San Siro”. La partita è terminata sul punteggio di 1-1 in virtù dei gol realizzati da Antonio Nocerino al 14′ e Alessandro Matri all’85’ ma saranno gli espisodi arbitrali a far parlare dell’incontro anche la prossima settimana.

Nel corso della prima frazione di gioco la terna arbitrale, Tagliavento ed assistenti, non ha convalidato un regolarissimo gol di Sulley Muntari (nella foto).

Il gol fantasma ha fatto infuriare il dirigente del Milan Adriano Galliani che nell’intervallo ha inveito contro Tagliavento. Conte ha assistito all’episodio e si è rivolto a Galliani dicendo: “Da che pulpito…”.

L’amministratore delegato del Milan Adriano Galliani ha abbandonato il suo posto in tribuna al Meazza dopo il ‘gol fantasma’ non convalidato ai rossoneri al 25′ del primo tempo della partita contro la Juventus.

Poi, su tutte le furie, ha lasciato lo stadio prima che cominciasse la ripresa per problemi di pressione.

Nel secondo tempo la Juventus ha protestato contro Tagliavento per un gol non concesso a Matri per fuorigioco e per l’espulsione del suo centrocampista Arturo Vidal.

Scintille in campo e parapiglia dopo il fischio finale di Milan-Juventus: particolarmente agitati Chiellini e Ambrosini, che si affrontati verbalmente ed hanno cercato di venire a contatto.

I due sono stati trattenuti dai compagni. Il milanista si è poi liberato ed ha cercato di imboccare di corsa l’ingresso degli spogliatoi, ma è stato di nuovo fermato.

La partita ha avuto un finale incandescente, dopo essere terminata in parità sull’1-1. La gara, nel secondo tempo, e’ diventata particolarmente nervosa con falli ripetuti, ammonizioni ed espulsioni.

La rabbia compressa è stata sfogata dopo il fischio finale, quando si è scatenato un parapiglia sul terreno di gioco – protagonisti diversi giocatori di entrambe le squadre – ricomposto a fatica con la mediazione di Andrea Pirlo.

”O hanno sbagliato a tracciare il campo oppure la linea era più grossa…”. Massimiliano Allegri preferisce l’ironia per commentare il gol fantasma di Muntari non visto dall’arbitro Tagliavento.

”Non mi sono arrabbiato, mi sono divertito perche’ e’ stata una bella partita. Purtroppo un  episodio ha falsato partita – ha detto il tecnico del Milan ai microfoni di Sky -. Indipendentemente da tutto, questo gol ci ha creato danno, sul 2-0 sarebbe stata una partita diversa”.

”Questo dimostra che a star zitti si farebbe meglio… – insiste Allegri, rinfocolando la polemica a distanza con Antonio Conte – Io sono toscano, se si cominciano a fare battute mi diverto”.

”Questa partita e’ stata caricata troppo da tutti quanti, c’era un clima non bello per lo sport. Sono successe troppe cose che non hanno niente a che fare con il calcio”. Antonio Conte prova a spegnere le polemiche dopo l’1-1 con il Milan.

”La cosa più bella è stata la partita – ha spiegato ai microfoni di Sky – Per il resto bisogna migliorare tutti, io per primo”.

Sugli errori di Tagliavento Conte dice: ”Anche stasera ci sono stati due errori tecnici: uno sul gol loro, l’altro sul fuorigioco nostro. Errori ci stanno, ne prendiamo atto. Ci auguriamo che alla fine gli errori siano pari per tutte le squadre”.

Il tecnico della Juve – che in diretta ha avuto un battibecco anche con Boban, oggi commentatore tv per Sky – ha comunque fatto i complimenti al Milan. ”Ha fatto 60 minuti di grandissimo livello, ci ha messo in difficoltà con le nostre stesse armi. Era difficile portare quei ritmi fino al 90′. Noi siamo stati bravi con i nuovi entrati”.

Inutile parlare di scudetto: ”Lasciamo stare… Noi siamo stati bravi e anche fortunati, abbiamo tanta strada da percorrere. Il Milan è davvero molto forte”.

Milan (4-3-1-2): Abbiati; Abate, Mexes, Thiago Silva, Antonini; Nocerino, Van Bommel, Muntari; Emanuelson; Pato, Robinho.
A disp.: Amelia, Zambrotta, Yepes, Bonera, Ambrosini, Inzaghi, El Shaarawy. All.: Allegri

Juventus (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Lichtsteiner, Vidal, Pirlo, Marchisio, Estigarribia; Borriello, Quagliarella.
A disp.: Storari, Caceres, Giaccherini, Pepe, Del Piero, Vucinic, Matri. All.: Conte

Se vuoi guardare la gallery con gli striscioni di Milan-Juventus clicca qui. 

Il video con il gol fantasma di Sulley Muntari.