Milan chiede minuto di silenzio per Kobe Bryant, Lega Serie A alla fine dice sì

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 Gennaio 2020 18:42 | Ultimo aggiornamento: 28 Gennaio 2020 18:57
Milan chiede minuto di silenzio per Kobe Bryant, Lega Serie A dice no

Il Milan ha chiesto un minuto di silenzio per ricordare Kobe Bryant, leggenda NBA e grande tifoso dei rossoneri, la Lega Serie A ha detto no secondo Sky Sport

MILANO – Il Milan ha deciso di onorare la memoria di Kobe Bryant, fuoriclasse del basket NBA deceduto con la figlia Gianna Maria in un tragico incidente in elicottero, con un minuto di silenzio e (il lutto al braccio) in occasione del match di Coppa Italia contro il Torino. Secondo quanto riportato da Sky,   la Lega Serie A si sarebbe dimostrata contraria alla decisione dei rossoneri ma a poche ore dalla partita di Coppa Italia tra i rossoneri ed il Torino è stato diffuso un comunicato che invece conferma il minuto di silenzio per Kobe Bryant ed il lutto al braccio dei calciatori. 

Il Milan ha chiesto il minuto di silenzio per Kobe Bryant. Secondo Sky, in un primo momento la Lega Serie A avrebbe detto di no. Il precedente con Anastasi…

Non è la prima volta che una decisione della Lega Serie A sui minuti di silenzio scatena delle polemiche, è successo lo stesso in occasione della morte di Pietro Anastasi, calciatore che ha scritto pagine indelebili nella storia del calcio italiano. Anche in quell’occasione, la Lega Calcio Serie A non ha indetto un minuto di silenzio per ricordarlo. Decisione alquanto discutibile visto che Anastasi ha regalato alla Nazionale Italiana di Calcio, con un gol in finale, l’unico campionato europeo nella sua bacheca. 

“È vergognoso – ha notato Claudio Gentile ai microfoni dell’Ansa – che ad Anastasi non sia stato tributato un minuto di raccoglimento su tutti i campi della Serie A. C’è davvero grande amarezza”. “La Federazione se l’è un po’ dimenticato”, ha rincarato Carlo Muraro sempre ai microfoni dell’Ansa.