Milan pronto a rinunciare all’Europa League: la Roma entra di diritto lasciando al Torino i preliminari

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 Giugno 2019 11:30 | Ultimo aggiornamento: 19 Giugno 2019 11:41
milan europa league

Milan pronto a rinunciare all’Europa League: gli scenari per Roma e Torino

ROMA – Se il Milan, d’accordo con la Uefa, rinuncerà alla prossima Uefa League per ottenere un rinvio di un anno per centrare il pareggio di bilancio, la Roma scalerebbe al suo posto con la partecipazione diretta al torneo mentre il Torino, classificatosi settimo, accederebbe ai preliminari al posto dei giallorossi.

Il Milan sarebbe convinto a rinunciare alla partecipazione all’Europa League in cambio di più tempo per raggiungere il pareggio di bilancio (al momento fissato al 2021) secondo i paletti imposti dal Fair Play Finanziario. Un lavoro diplomatico sarebbe in corso per un accordo tra i rossoneri e la Uefa.

Secondo l’articolo del Corriere della Sera a firma Arianna Ravelli, la Camera giudicante dell’Uefa ha deciso di sospendere il giudizio sul Milan per le violazioni delle norme del FPF nel triennio 2015-2018 per attendere la decisione del Tas sulle violazioni del triennio precedente. Adesso la società rossonera si trova nella scomoda situazione di rischiare una “somma di sanzioni” per il triennio 2014-2017 e 2015-2018 e per questo vorrebbe raggiungere un accordo con la Uefa, una sorta di “patteggiamento” dentro le regole consentite con un lavoro diplomatico che va avanti da settimane: niente Europa League in cambio di più tempo, rispetto al 2021 attualmente fissato, per rientrare nel pareggio di bilancio secondo i paletti del Fair Play Finanziario.

5 x 1000

Una situazione che riguarda da vicino anche Roma e Torino. Il regolamento della Uefa infatti nel trattare l’accesso alle competizioni tratta in maniera diversa il caso di rinuncia di una squadra o quello di squalifica, stando all’articolo 4.

Articolo 4.04: se una squadra si rifiuta o rinuncia di prendere parte a una competizione a cui si è qualificata per meriti sportivi e per cui ha ottenuto la licenza, nessun’altra squadra della stessa federazione prenderà il suo posto. In questo caso non ci sarebbe spazio per il Torino. Articolo 4.08: se una squadra non è ammessa a una competizioni, sarà rimpiazzata dal club meglio piazzato nel campionato locale. In questo caso la Roma andrebbe direttamente ai gironi e il Torino ai preliminari.

Dunque dipenderà tutto dal tipo dell’eventuale accordo tra Milan e Uefa e se la camera giudicante opterà per accettare l’eventuale rinuncia della società rossonera o propenderà per la squalifica aprendo le porte al Torino.