Milan-Roma con il nodo Ibrahimovic. Gioca? Non gioca? Tutti gli scenari possibili

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 26 Giugno 2020 18:05 | Ultimo aggiornamento: 26 Giugno 2020 18:06
Milan-Roma, Ibrahimovic è più no che sì ecco come rimpiazzarlo

Milan-Roma con il nodo Ibrahimovic. Gioca? Non gioca? Tutti gli scenari possibili (foto Ansa)

MILANO – Il Milan ha ricominciato la stagione alla grande. Prima ha imposto lo 0-0 alla Juventus in Coppa Italia, poi ha vinto in goleada sul campo del Lecce in campionato. Ma ora arriva la Roma, diretta concorrente per un posto in Europa.

Tutti si interrogano sulle condizioni fisiche di Zlatan Ibrahimovic. Ci sarà o non ci sarà contro la Roma? Al 90% non ci sarà…

E’ vero che lo svedese sta recuperando in fretta dal suo infortunio ma è altrettanto vero che il suo rientro è più probabile contro Spal o Lazio.

Perdere un giocatore di questo livello per uno scontro diretto è un bel problema ma i rossoneri hanno dimostrato di saper far bene anche senza appellandosi al gioco di Pioli.

Dato che l’assenza dello svedese è quantomeno probabile, andiamo a vedere come il Milan affronterebbe la Roma senza l’ex fuoriclasse dei Los Angeles Galaxy.

Milan-Roma, non c’è Ibra. Ecco cosa potrebbe fare Pioli.

Il tecnico dei rossoneri potrebbe riproporre quanto visto contro la Juventus o contro il Lecce. Una squadra aggressiva, veloce, che non dà punti di riferimento agli avversari. Con il finto nove e tantissima qualità in mezzo al campo.

Quindi il Milan dovrebbe cercare di mettere in crisi le certezze giallorosse con il 4-4-1-1. Mancano ancora dei giorni quindi Pioli non ha deciso ancora tutto e ci sono diversi ballottaggi. Andiamo ad analizzare la situazione di seguito.

Tra i pali è obbligatoria la presenza di Donnarumma. Poi la difesa a quattro dovrebbe essere composta da Conti, Romagnoli, Gabbia e Theo Hernandez. A centrocampo dovrebbero esserci tre ballottaggi per quattro ruoli. 

Dovrebbe giocare uno tra Saelemaekers e Castillejo, uno tra Paqueta e Kessie e uno tra Bonaventura e Biglia. Bennacer invece è un titolare inamovibile ora come ora.

Un altro certo di una maglia è Calhanoglu, calciatore che ha convinto come trequartista. In attacco, al posto di Ibra, è ballottaggio tra Rebic e Leao.