Milan, Sean Sogliano nuovo ds: scelta condivisa da Barbara Berlusconi e Galliani

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 Dicembre 2013 18:15 | Ultimo aggiornamento: 4 Dicembre 2013 18:15
Milan, Sean Sogliano nuovo ds: scelta condivisa da Barbara Berlusconi e Galliani (LaPresse)

Milan, Sean Sogliano nuovo ds: scelta condivisa da Barbara Berlusconi e Galliani (LaPresse)

MILANO – C’è stato un vertice ad Arcore, nella villa presidenziale, tra i due ad del Milan: Adriano Galliani e Barbara Berlusconi. I due dirigenti rossoneri non si sono trovati su molti punti ma condividono la scelta di Sean Sogliano come futuro ds del Milan.

Riportiamo parte dell’articolo della ‘Gazzetta dello Sport’ a firma di Carlo Laudisa.

“La settimana rossonera è iniziata con gli occhi puntati ad Arcore. Barbara Berlusconi era lì, impegnata nel consueto vertice familiare con papà Silvio e tutti i fratelli. E’ stato un summit lungo, con le questioni politiche e giudiziarie in primo piano. Tuttavia non è mancato il riferimento al progetto su un Milan duale per i prossimi 4 anni. Venerdì Barbara aveva parlato al telefono con il padre e aveva accettato la soluzione quadriennale (ma secondo altre fonti addirittura quinquennale) per la ragion di Stato. Ma ieri ha esposto di persona le sue idee ai familiari. E’ evidente che intende dare la sua impronta esclusiva al club in tempi più brevi. E soffre la diarchia con Adriano Galliani.

l’attesaIeri Adriano Galliani è arrivato nella sede di via Aldo Rossi di buon’ora e si è trattenuto per tutta la mattinata. Si sta già mettendo all’opera per riorganizzare l’area sportiva, cioè quella rimasta di sua competenza. Barbara aveva delineato un riassetto con Paolo Maldini responsabile dell’area tecnica e un tris di pretendenti per il ruolo di d.s.: Sean Sogliano del Verona, Pietro Leonardi del Parma e Riccardo Bigon del Napoli.

Maldini no, Sogliano sìInvece nelle testa di Galliani si delinea uno scenario un tantino differente. Pur non avendo preclusioni personali per Maldini, ritiene che la figura dell’ex campione rossonero andrebbe a sovrapporsi alla sua. Condivide, invece, l’esigenza di scegliere un direttore sportivo giovane e dinamico che dia un nuovo impulso nella ricerca dei giovani talenti in giro per il mondo. Da anni ha un rapporto di stima esplicito con Daniele Pradé, ma ha altrettanta stima per Sean Sogliano con cui ha già avuto più occasioni di contatto. E tutto fa pensare che proprio attorno a questa candidatura condivisa possa esserci il primo passo d’avvicinamento tra le due anime del club. Oggi Lady B è attesa in sede, va messo in conto il primo faccia a faccia”.