Europa League, show del Milan: 3-0 allo Sparta Praga con gol di Diaz, Leao e Dalot. Ibra fallisce rigore

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 29 Ottobre 2020 18:52 | Ultimo aggiornamento: 29 Ottobre 2020 20:46
Zlatan Ibrahimovic: "Mihajlovic ha fatto di tutto per portarmi al Bologna"

Zlatan Ibrahimovic: “Mihajlovic ha fatto di tutto per portarmi al Bologna” (foto Ansa)

Europa League, Milan-Sparta Praga 3-0: rossoneri consolidano primato nel girone.

Altro giro, altro show; il Milan ha vinto 3 a 0 contro lo Sparta Praga in Europa League consolidando il suo primato nel girone. 

Infatti grazie a questo successo, i rossoneri sono primi da soli  con 6 punti a più 3 su Celtic e Lilla. Chiude lo Sparta Praga a zero punti. 

Stasera non c’è stata storia, il Milan ha dominato dal primo all’ultimo minuto. I rossoneri hanno segnato con Brahim Diaz, Leao e Dalot e si sono permessi il lusso di fallire un rigore con Ibra. 

Lo svedese è apparso stanco e per questo è stato sostituito a fine primo tempo. La sua partita è stata comunque buona perché ha servito l’assist a Diaz per la rete che ha sbloccato il match. 

La stagione dei rossoneri continua ad essere straordinaria, in dieci partite il Milan ha messo insieme 8 vittorie e 2 pareggi (contro la Roma ed il Rio Ave. Ma in Portogallo i rossoneri sono comunque passati ai rigori).

Periodo d’oro per i rossoneri, vincono sempre e segnano tutti

Il Milan sfida lo Sparta Praga con questo modulo tattico: (4-2-3-1) Tatarusanu; Calabria, Kjaer, Romagnoli, Dalot; Tonali, Bennacer; Castillejo, Brahim Diaz, Krunic; Ibrahimovic. All: Pioli.

Lo Sparta Praga risponde al Milan così: (4-3-3) Heca; Sacek, Lischka, Celutska, Hanousek; Pavelka, Travnik, Vindheim; Dockal, Julis, Krejci. All: Kotal.

Pioli ha fatto riposare alcuni suoi titolari ma non ha rinunciato all’intoccabile Zlatan Ibrahimovic.

Lo svedese è il capocannoniere della Serie A ed è in un periodo di forma straordinario. 

Ibra ha 39 anni ma Pioli lo impiega sempre non dandogli mai riposo perché è indispensabile. 

L’ex tecnico della Fiorentina ha deciso di lanciare nella mischia anche Tonali, grande colpo di calciomercato che non ha ancora trovato molto spazio.

Trai i pali, fiducia a Tatarusanu, nonostante la papera contro la Roma, perché Donnarumma è ancora out per il Covid.

Non è della partita nemmeno Hauge, altro calciatore out a causa del coronavirus.

Milan subito pericolo al terzo minuto.

Bennacer ha crossato dalla destra, Krunic ha calciato, indisturbato, dal limite dell’area di rigore dello Sparta ma ha sparato il pallone in curva.

Primo acuto di Ibra al 5′. Il centravanti svedese ha colpito di testa su cross dalla destra di Calabria ma non ha trovato lo specchio della porta.

Milan ancora vicino al gol al 13′. Altro colpo di testa di Ibra fuori di un soffio. 

Dopo queste occasioni sprecate, i rossoneri sono passati in vantaggio al 23′ con Brahim Diaz. 

L’ex calciatore del Real Madrid ha rubato palla ad un avversario e ha lanciato Ibra nello spazio seguendo l’azione. 

Lo svedese gli ha restituito il pallone e Diaz ha battuto il portiere di precisione da due passi. 

Per Brahim Diaz è il terzo gol in rossonero, due li ha segnati in Europa League mentre uno in campionato contro il Crotone.

La squadra di Milano ha sfiorato il raddoppio al 31′. Lancio lungo di Kjaer, pallonetto di Krunic sventato dal portiere avversario in uscita.

Calcio di rigore per il Milan al 34′. Ibra è stato steso su cross di Bennacer dalla sinistra.

Ibrahimovic ha fallito dagli undici metri, ha colpito la traversa e poi il pallone è terminato alto.

Per Ibra è il secondo rigore fallito in stagione dopo quello durante il derby. Ma in quell’occasione aveva segnato sulla ribattuta di Handanovic.

Il primo tempo è finito sul risultato di uno a zero per il Milan. Rete di Diaz. I rossoneri hanno fallito un rigore con Ibrahimovic.

45 minuti di riposo per Ibra, lo svedese è uscito dal campo a fine primo tempo. Al suo posto, ha iniziato la ripresa Leao.

Il Milan ha raddoppiato al 56′. Cross di esterno di Dalot dalla sinistra e tocco vincente, da due passi, di Leao. Pioli ha indovinato ancora una volta i cambi.

Rossoneri vicini al tre a zero al 63′. Romagnoli ha saltato più alto di tutti ma il portiere dello Sparta è stato bravo a bloccare la sua conclusione a rete. 

Il Milan ha chiuso i giochi al 67′. Dalot è stato lanciato nello spazio e ha battuto il portiere avversario con un sinistro a fil di palo. 

E’ finita, i rossoneri hanno vinto facilmente contro i cechi consolidando il loro primato in vetta al girone di Europa League.