Champions League, Milan-Atletico Madrid 0-1: decide Diego Costa

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 19 febbraio 2014 23:17 | Ultimo aggiornamento: 19 febbraio 2014 23:18
Milan-Atletico Madrid, formazioni Champions League: Seedorf con Balotelli (LaPresse)

Milan-Atletico Madrid, formazioni Champions League: Seedorf con Balotelli (LaPresse)

MILANO, STADIO GIUSEPPE MEAZZA – Un gol di Diego Costa nei minuti finali consente all’Atletico Madrid di espugnare San Siro per 1-0 e mettere una seria ipoteca sul passaggio ai quarti di finale della Champions League ai danni del Milan.

Un Atletico fortunato e con un Courtois super nel primo tempo, con i rossoneri che hanno colpito due pali e sfiorato il gol in altre occasioni, ma cresciuto alla distanza complice anche il calo nella ripresa della squadra di Seedorf.

Sul  gol che ha deciso la partita determinante l’ennesima disattenzione difensiva del Milan, con la palla spizzicata da Abate che diventa un assist perfetto per Diego Costa.

La dimostrazione che forse ai rossoneri nel mercato di gennaio più che una collezione di trequartisti, serviva forse uno o due difensori di livello internazionale. L’11 marzo è in programma il ritorno al Vicente Calderon, al Milan servirà una autentica impresa per passare il turno.

Servono i gol di Balotelli che oggi sono mancati, anche se  Supermario fino a quando è rimasto in campo ha giocato una partita generosa contro la rocciosa difesa di Simeone.

Quando sente la musichetta della  Champions League il Milan ritrova come per incanto brillantezza e qualità negli uomini e nel gioco. Dopo un avvio favorevole all’Atletico, la squadra di Seedorf trova la chiave per mettere in difficoltà gli spagnoli e si rende più volte pericoloso.

Grazie ad una serie di efficaci inserimenti in avanti dei centrocampisti, il Milan colpisce due pali: il primo con una girata potente di Kakà, il secondo con un colpo di testa di Poli.

Il tutto nell’arco di meno di cinque minuti. In  entrambe le occasioni è prodigioso il giovane portiere dell’Atletico Courtois, di gran lunga il migliore dei suoi. L’unica nota stonata del primo tempo per i rossoneri è l’uscita per infortunio di De Sciglio, al suo posto Abate. Delude l’Atletico di Simeone, protagonista in campionato ma apparso contratto e a tratti quasi timoroso.

Nel secondo tempo il Milan continua a comandare le operazioni nella prima parte, anche se mancano le occasioni. Con il passare dei minuti la squadra di Seedorf cala e lascia l’iniziativa all’Atletico. Il Milan ci prova ancora con  Balotelli dalla distanza, ma l’occasione migliore è con un tiro scomposto di Taarabt che si tramuta in un assist in mezzo all’area dove però non c’è nessun rossonero.

Nel finale, quando Simeone cambia le carte in tavola inserendo Cristian Rodriguez e Adrian Lopez, ecco che arriva il gol. Su un calcio d’angolo battuto molto teso, Abate interviene in  maniera maldestra di testa e serve inavvertitamente Diego Costa completamente solo alle sue spalle:

il bomber spagnolo è bravissimo a coordinarsi e a battere Abbiati di testa. Per il Milan è come un colpo da ko, anche perchè nel frattempo Seedorf aveva tolto Balotelli per inserire il più fresco Pazzini. Nel ritorno al Vicente Calderon servirà quasi un miracolo.

Milan: Abbiati; De Sciglio, Rami, Bonera, Emanuelson; De Jong, Essien; Poli, Kakà, Taarabt; Balotelli.
A disposizione: Amelia, Mexes, Abate, Constant, Zaccardo, Pazzini, Petagna.
All.: Seedorf.

Atletico Madrid: Courtois, Juanfran, Miranda, Godin, Insua; Arda Turan, Mario Suarez, Gabi, Koke; Raul Garcia; Diego Costa.
A disposizione: Aranzubia, Aldeweireld, Cristian Rodriguez, Sosa, Diego, Adrian Lopez, Villa.
All.: Simeone.