Milan. Berlusconi e la cena con Galliani e Seedorf: “Piena sintonia”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 febbraio 2014 21:25 | Ultimo aggiornamento: 14 febbraio 2014 21:25
Seedorf con Galliani nel giorno del suo arrivo a Milano

Seedorf con Galliani nel giorno del suo arrivo a Milano (foto LaPresse)

ROMA – Nel giorno in cui sponsorizza Ugo Cappellacci e si prepara ad incontrare Giorgio Napolitano, Silvio Berlusconi trova tempo per una nota dedicata al Milan, a Clarence Seedorf e Adriano Galliani.

“Leggo versioni contrarie al vero circa la cena che si è tenuta ad Arcore martedì scorso. Miei ospiti Galliani e Seedorf. Tale cena si è svolta in un clima di assoluta cordialità e in totale sintonia”.

“Tutti insieme appassionatamente”, è stato invece lo slogan scelto dall’ad rossonero, Adriano Galliani, per commentare la cena di Arcore. Ci sono stati scontri fra presidente e allenatore? la domanda ”La marcatura era a zona, molto blanda’‘, ha risposto con un sorriso a Sky Galliani che ha definito il Milan ”un cantiere aperto, e bisogna lavorarci”.

”Non c’è nessuno stupore per la cena, è appena arrivato il nuovo allenatore, che non aveva mai visto il presidente ma solo sentito al telefono – ha spiegato Galliani -. Abbiamo parlato di calcio, è stato divertente, continuavamo a spostare i centrocampisti: questo va avanti, quello lì indietro…”.    

L’ad rossonero ha poi notato che

il 4-2-3-1 scelto dall’olandese ‘è il modulo che usano le grandi squadre, una volta soprattutto le spagnole, ora anche il Bayern. Tutto dipende dalla qualità di chi interpreta il modulo. I giocatori – ha continuato – si devono abituare, prima giocavamo con 3 centrocampisti puri, ora con 2. E ci manca El Shaarawy che sa fare le due fasi”.    

”Ho visto le statistiche, abbiamo alzato il baricentro di 5-6 metri, tiriamo più in porta e concediamo meno agli avversari, a parte la gara di Napoli – ha aggiunto Galliani -. Anche l’occhio vuole la sua parte, ma i numeri dicono questo”.    

Infine all’ad rossonero è stato domandato se Pazzini può giocare con Balotelli. ”Il Milan ha già avuto due allenatori, non ha bisogno del terzo – ha sorriso -. Mi piace Pazzini perché allunga la squadra, è possibile che si possa vedere anche in tempi brevissimi”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other