Milan

Milan, ufficiale: Allegri esonerato. Per ora squadra a Tassotti

Milan, Allegri esonerato

Il comunicato dell’esonero di Allegri

MILANO – Massimiliano Allegri non è più l’allenatore del Milan: fatale il ko per 4-3 contro il Sassuolo.

Oltre al tecnico toscano è stato esonerato tutto il suo staff: Landucci, Maldera e Folletti. Alla fine Barbara Berlusconi è sbottata, il cambiamento radicale nella gestione della squadra non poteva più attendere, dopo la tregua armata con l’ad Galliani che impietrito ieri in tribuna al quarto gol di un diciannovenne di belle speranze non ha avuto più la forza o la volontà di difendere il suo allenatore, peraltro già “scaduto”. La rivoluzione che doveva partire a giugno è stata anticipata: la transizione è affidata immediatamente a uno di famiglia rossonera, l’eterno secondo Mauro Tassotti.

Si vedrà se Seedorf lo sostituirà a giugno o se l’ex rapinatore d’area Inzaghi, che oggi allena la Primavera, gli soffierà il posto in anticipo. La cacciata di Allegri segna la fine di un equivoco di fondo che ha minato la credibilità dell’allenatore e l’affidabilità di una squadra apparsa in balia degli avversari e dei suoi timori. Prendere 4 gol da una neo-promossa significa non essere una squadra ma un’accolita di campioni più presunti che reali cui anche la sfortuna ha dato una mano per l’affondamento definitivo. Il palo del fresco arrivato Honda, la traversa del redivivo Pazzini nel finale non possono essere una giustificazione, quanto, piuttosto, il giusto epitaffio per un Milan troppo brutto per essere vero, visto che nemmeno con due gol di vantaggio in un quarto d’ora non è riuscita a vincere.

Ecco il comunicato ufficiale del Milan:

L’AC Milan comunica di aver sollevato dall’incarico di allenatore della prima squadra, con effetto immediato, il Signor Massimiliano Allegri e il suo staff. L’AC Milan desidera ringraziare il Signor Allegri e il suo staff per l’opera svolta e augura loro i migliori successi professionali. La squadra è provvisoriamente affidata alla guida tecnica del Signor Mauro Tassotti.

To Top