Mino Raiola: “Guardiola è un cane e un codardo”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 marzo 2018 12:40 | Ultimo aggiornamento: 25 marzo 2018 12:40
mino raiola guardiola

Mino Raiola: “Guardiola è un cane e un codardo”

ROMA – “Come allenatore è fantastico, ma come persona è zero. Un vigliacco, un cane, il classico prete: fai come ti dico, non fare quello che faccio”.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela

Mino Raiola torna ad attaccare Pep Guardiola. I rapporti tra i due si incrinarono all’epoca di Barcellona, quando il catalano allenava Ibrahimovic: “Aveva detto a Zlatan di andare da lui se avesse avuto problemi o lamentele – ha detto al magazine olandese Quote – ma poi lo ha semplicemente ignorato e non lo faceva giocare. Non lo ha nemmeno salutato quando lo hanno ceduto. Ha fatto lo stesso con Maxwell, che è un ragazzo adorabile. Cosa ho fatto? Ho detto a Zlatan di andare a parcheggiare la sua Ferrari nel posto dell’allenatore”.

C’è anche un aneddoto relativo alla finale di Champions 2011 tra Barcellona e United: “Sono andato a cercarlo negli spogliatoi di Wembley, mi ha fermato Galliani. Una fortuna per Guardiola”.

E sul ritorno di Pogba a Manchester ha aggiunto: “Paul era un giocatore economico perché nel suo contratto con la Juve c’era una clausola grazie alla quale era autorizzato a decidere da solo dove avrebbe giocato. Non spingo i prezzi oltre il limite. Lo United ha speso 100 milioni di sterline, ma penso che ne avrebbe dovuti pagare 200. Il giocatore aveva sempre il controllo, nessuno poteva decidere per lui. La Juventus avrebbe potuto venderlo per 200 milioni al Real Madrid. Il Manchester si è salvato pagandone solo 100”.