Miracolo Atalanta, è in Champions. Chi lo avrebbe detto dopo eliminazione dai preliminari di Europa League?

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 26 maggio 2019 23:04 | Ultimo aggiornamento: 26 maggio 2019 23:06
Miracolo Atalanta, è in Champions. Chi lo avrebbe detto dopo eliminazione dai preliminari di Europa League?

Miracolo Atalanta, è in Champions. Chi lo avrebbe detto dopo eliminazione dai preliminari di Europa League?. Foto ANSA/PAOLO MAGNI

BERGAMO – Miracolo sportivo dell’Atalanta. La squadra allenata da Gasperini è arrivata per la prima volta nella sua storia in Champions League. E’ la vittoria di Gasperini, dei calciatori e della proprietà. Molti club avrebbero esonerato Gasperini dopo l’eliminazione dai preliminari di Europa League ma non Percassi. Il presidente dell’Atalanta ha sempre difeso il suo tecnico. Sia il suo primo anno a Bergamo, quando la squadra è stata per molte settimane in zona retrocessione, sia quest’anno quando il suo ciclo in nerazzurro sembrava terminato dopo la clamorosa eliminazione dai preliminari di Europa League. 

Miracolo Atalanta, Gasperini ha costruito una squadra straordinaria. 

Da quella sconfitta, Gasperini ha saputo costruire il suo capolavoro. Il suo compito a Bergamo non è mai stato facile perché negli anni la società ha venduto i pezzi pregiati. Sono stati ceduti, tra gli altri, Kessie, Caldara, Spinazzola, Conti e Cristante. Ogni anno, Gasperini è dovuto ripartire da zero. Non è un allenatore che mette undici calciatori in campo chiedendo loro grinta e sudore.

E’ un tecnico che ama il calcio offensivo e che impiega del tempo per insegnarlo ai suoi calciatori. E’ il classico maestro di calcio. Quest’anno, da quella pesantissima eliminazione ha saputo rimboccarsi le maniche e trovare la via verso la gloria.

5 x 1000

L’Atalanta ha iniziato a marciare a ritmi vertiginosi, ha sfruttato al meglio i passi falsi delle avversarie e si  è qualificata meritatamente in Champions League. Non solo, i nerazzurri hanno eliminato anche la Juventus dalla Coppa Italia e si sono arresi solamente in finale alla Lazio. Una stagione straordinaria e forse irripetibile.