MLS, “schiaffo” a Ibrahimovic: Carlos Vela è il miglior calciatore del campionato

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 5 Novembre 2019 20:04 | Ultimo aggiornamento: 5 Novembre 2019 20:04
MLS schiaffo Ibrahimovic Carlos Vela miglior calciatore campionato

La MLS ha premiato Carlos Vela come miglior giocato del campionato americano

LOS ANGELES (STATI UNITI) – Ibrahimovic è sempre più lontano dalla MLS dopo che la lega calcistica americana ha deciso di premiare Carlos Vela come miglior calciatore del campionato a stelle e strisce. Entrambi i calciatori hanno disputato una stagione straordinaria ma effettivamente i numeri sono dalla parte dell’attaccante messicano. Ibrahimovic ha segnato trentuno gol in trentuno partite, mentre Carlos Vela ha realizzato la bellezza di 36 gol in 34 partite. 

Così la MLS, che non aveva gradito le dichiarazioni rilasciate da Ibrahimovic dopo l’eliminazione dei Los Angeles Galaxy dai playoff, ha avuto il pretesto giusto per preferire l’attaccante messicano allo svedese. Dopo l’eliminazione, Ibra aveva attaccato la lega, i giornalisti ed i compagni di squadra con le seguenti dichiarazioni. 

“Se vado via io, il campionato americano (la MLS) non lo guarderà più nessuno. Questo campionato deve crescere, gli arbitri non sono all’altezza della situazione. Ho dato il massimo, ho giocato una grande partita ma purtroppo i miei compagni di squadra non riescono a tenere il mio passo sia in campo che negli allenamenti. Voi giornalisti mi chiedete se ho sentito la pressione durante i playoff… ma state scherzando? Io ho giocato a San Siro davanti a 90mila persone, ho giocato partite in stadi pieni dove il calcio conta davvero… Per me giocare da voi è come fare una passeggiata al parco…”. 

Stando alle ultime indiscrezioni di mercato, Ibrahimovic sarebbe prossimo a tornare a giocare nel nostro campionato visto che il suo contratto con i Galaxy scade tra un mese. Dove? In pole ci sarebbero il Bologna ed il Napoli. Entrambi i club non hanno smentito il loro interessamento a Ibra. Il Napoli vorrebbe prenderlo ad uno stipendio ragionevole, mentre il Bologna sarebbe disposto a pagarlo quanto vuole, ovvero quanto prendeva in America (si parla di otto milioni di euro per un anno e mezzo).