Mondiali 2018, Egitto: la scheda. La stella è Salah, il giovane da seguire è Sobhi

di Redazione Blitz
Pubblicato il 15 giugno 2018 13:00 | Ultimo aggiornamento: 15 giugno 2018 13:04
cuper egitto 2018

Mondiali 2018, Egitto: la scheda. La stella è Salah, il giovane da seguire è Sobhi

ROMA – Tutto si è concluso contro il Congo e Mohamed Salah ha timbrato una doppietta per assicurarsi che l’Egitto si qualificasse per i Mondiali 2018 in Russia per la prima volta dal 1990. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] La partecipazione ai Mondiali in Russia, sarà la terza volta per l’Egitto a una Coppa del Mondo. Il ruolino di marcia ai Mondiali dei Faraoni conta attualmente quattro partite giocate, zero vittorie, due pareggi e due sconfitte. L’Egitto farà parte del Girone A insieme a Uruguay, Arabia Saudita e Russia.

Mondiali 2018: gironi, calendario, partite e orari TABELLONE-PDF

La rosa dell’Egitto

Portieri: El-Hadary (Al Taawoun), Ekramy (Al Ahly), Awad (Ismaily), El-Shenawy (Al Ahly).

Difensori: Fathy (Al Ahly), Elmohamady (Aston Villa), Abdel-Shafy (Al Fateh), Hegazi (West Bromwich Albion), Gaber (Los Angeles FC), Gabr (West Bromwich Albion), Samir (Al Ahly), Ashraf (Al Ahly), Hamdy (Zamalek).

Centrocampisti: Elneny (Arsenal), Said (KuPS), Shikabala (Al Raed), Hassan (Kasimpasa), Sobhi (Stoke City), Hamed (Zamalek), Warda (Atromitos), Morsy (Wigan).

Attaccanti: Salah (Liverpool), Mohsen (Al Ahly), Mahmoud Kahraba (Zamalek).

La stella dell’Egitto: Mohamed Salah

Salah è esploso questa stagione come una vera star di livello mondiale. Ha chiuso la stagione come capocannoniere della Premier League, miglior giocatore e un record: i suoi 32 gol sono stati un record nella massima serie inglese nei campionati a 30 squadre. Inoltre è stato determinante nel condurre il Liverpool fino alla finale di Champions League. L’Egitto si augura che l’attaccante possa ripetere la magia quest’estate. La sua forma fisica, tuttavia, desta ancora preoccupazione dopo aver subito un grave infortunio alla spalla nella finale di Champions League. L’attaccante in ogni caso è stato convocato e sarà la stella indiscussa della squadra.

Il giovane dell’Egitto: Ramadan Sobhi

“Ho mandato un messaggio a Mourinho e gli ho detto di monitorare Ramadan allo Stoke, è un giocatore brillante e può giocare per il Manchester United”, ha confessato Martin Jol, che ha allenato l’egiziano all’Al Ahly. Sobhi, 21 anni, ha faticato a imporsi in uno Stoke modesto, ma ha brillato in Nazionale, con la quale ha fatto il suo debutto a 17 anni nel 2015. Ora conta 19 presenze per i faraoni, dove compone una coppa d’attacco collaudata con Salah.

L’allenatore dell’Egitto: Hector Cuper

Il 62enne ha portato il Valencia in due finali di Champions League ad inizio anni 2000, ha sfiorato con l’Inter una finale di Champions e soprattutto uno scudetto nel 2002. Poi per lui esperienze nel mondo con la nazionale della Georgia, l’Aris Thessaloniki F.C. e l’Orduspor. Ha portato i Faraoni alla finale di Coppa d’Africa nel 2017, dove hanno perso contro il Camerun, ed è stato anche l’artefice del loro primo viaggio in una fase finale della Coppa del Mondo dal 1990 a questa parte.