Mondiali 2018, la festa per la vittoria della Russia: “Come le celebrazioni post Seconda Guerra Mondiale”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 2 luglio 2018 14:04 | Ultimo aggiornamento: 2 luglio 2018 14:04
Mondiali 2018, la festa per la vittoria della Russia: "Come le celebrazioni post Seconda Guerra Mondiale" (foto Ansa)

Mondiali 2018, la festa per la vittoria della Russia: “Come le celebrazioni post Seconda Guerra Mondiale” (foto Ansa)

MOSCA – La festa in piazza dei tifosi per il “trionfo” della nazionale russa contro la Spagna è “paragonabile” alle celebrazioni nel Giorno della Vittoria del 1945 al termine della seconda guerra mondiale. Lo ha detto il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov. “Dal punto di vista emotivo [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,-Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] l’esaltazione epica per questo trionfo è comprensibile: per molti versi, a giudicare dalle persone scese in strada a Mosca e in altre città russe, la festa è paragonabile a come le cronache ci raccontano quella avvenuta il Giorno della Vittoria al termine della seconda guerra mondiale”.

Peskov ha poi sottolineato che qui però non si tratta di conflitti armati: “lo sport è lo sport, avvicina le persone non le divide”, ha detto quando un giornalista gli ha chiesto di commentare l’articolo pubblicato dall’Independent secondo qui quello di ieri “è stato forse il trionfo più famoso della Russia dal 1945”.

Il presidente russo Vladimir Putin si è congratulato con i giocatori della nazionale per la vittoria contro la Spagna agli ottavi del Mondiale.

“Ciò che importa nello sport sono i risultati e questo è un risultato vincente per la nostra nazionale”, ha detto Putin in una telefonata al ct russo Cherchesov. Il presidente si è complimentato con il tecnico per la tattica usata durante la partita e gli ha augurato buona fortuna nella fase successiva del torneo. Putin non ha potuto assistere personalmente alla partita di ieri ma, secondo Peskov, “l’agenda colma di impegni del presidente non gli ha impedito di gioire per la vittoria insieme all’intero paese”. “Come tutto il paese – ha aggiunto il portavoce – Putin ha guardato la partita dall’inizio alla fine e ha tifato per i nostri”.