Mondiali 2018, Spagna: la scheda. La stella è Iniesta, il giovane da seguire è Asensio

di Redazione Blitz
Pubblicato il 15 giugno 2018 15:07 | Ultimo aggiornamento: 15 giugno 2018 15:07
hierro mondiali

Mondiali 2018, Spagna: la scheda. La stella è Iniesta, il giovane da seguire è Asensio

ROMA – La Spagna ha chiuso lo scorso ottobre la sua qualificazione per i Mondiali 2018 in Russia, vincendo comodamente il suo girone, dove c’era anche l’Italia, con 28 punti. Oltre ai risultati, la selezione dell’ex Lopetegui, sostituito da Hierro, ha avuto dei momenti di tiki-taka esaltante, [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] capace di far sognare i tifosi in vista della Coppa del Mondo.

La Spagna arriva alla Coppa del Mondo in Russia dopo aver deluso in Brasile nel 2014 e aver raggiunto la gloria in nell’indimenticabile edizione di Sudafrica 2010, anno del suo unico trionfo. Nella sua storia, la nazionale spagnola ha partecipato alla fase finale del Mondiale per 14 volte ed esclusa la rassegna sudafricana ha avuto come miglior risultato il quarto posto del 1950. Le furie rosse saranno nel Gruppo B con Portogallo, Iran e Marocco.

Mondiali 2018: gironi, calendario, partite e orari TABELLONE-PDF

La rosa della Spagna

Portieri: De Gea (Manchester United), Kepa Arrizabalaga (Athletic Bilbao), Reina (Napoli).

Difensori: Carvajal (Real Madrid), Odriozola (Real Sociedad), Pique (Barcellona), Ramos (Real Madrid), Nacho (Real Madrid), Azpilicueta (Chelsea), Alba (Barcellona), Monreal (Arsenal).

Centrocampisti: Busquets (Barcellona), Koke (Atletico Madrid), Saul (Atletico Madrid), Thiago Alcantara (Bayern Monaco), David Silva (Manchester City), Iniesta (Vissel Kobe).

Attaccanti: Isco(Real Madrid), Asensio (Real Madrid), Vasquez (Real Madrid), Aspas (Celta Vigo), Moreno (Valencia), Diego Costa (Atletico Madrid).

La stella: Andres Iniesta

El Manchego arriverà in Russia a 34 anni per giocare la sua ultima competizione mondiale. La stagione che ha disputato, l’ultima con la gloriosa casacca del Barcellona, è stata di nuovo eccezionale, come dimostrato nella finale di Copa del Rey contro il Siviglia. Iniesta arriva alla Coppa del Mondo in Russia con grande maturità e comanderà un centrocampo di altissima qualità con Busquets, Isco, Thiago e, soprattutto David Silva, un giocatore con cui si capisce a occhi chiusi.

Il giovane da seguire: Marco Asensio

In una selezione ricca di veterani come quella spagnola, con giocatori di grande esperienza, sembra che i giovani abbiano poca rilevanza. La lista di Hierro include però Marco Asensio (22 anni), che sebbene non sia titolare, avrà un ruolo importante da subentrato, come già dimostrato nella fase di qualificazione. Il maiorchino ha dimostrato di poter giocare in molte posizioni a centrocampo e in attacco in una squadra competitiva come il Real Madrid e può fare lo stesso con la nazionale.

L’allenatore della Spagna: Fernando Hierro

Dopo aver dato l’addio al calcio nel 2005, Hierro ha iniziato la carriera di dirigente con la Federazione spagnola, nella quale ricopre l’incarico di direttore sportivo e di consigliere alla guida tecnica dal 2007 al 2011. Nel 2014 torna al Real Madrid, stavolta in qualità di vice di Ancelotti. Ma nel 2015 all’intero staff dell’allenatore italiano viene revocato l’incarico. E Hierro tenta l’avventura sulla panchina con il Real Oviedo. Il 13 giugno 2018, a soli 2 giorni dall’incontro con il Portogallo a Russia 2018, è stato nominato nuovo CT della Nazionale spagnola al posto dell’esonerato Lopetegui.