Mondiali, Argentina: ultrà violenti sull’aereo della squadra

Pubblicato il 29 maggio 2010 17:19 | Ultimo aggiornamento: 29 maggio 2010 17:19

Diego Maradona

Dopo la grande festa alla partenza, con alcune migliaia di tifosi, canti e balli, il trasferimento della Nazionale argentina in Sudafrica, dove la comitiva è arrivata questa mattina, ha prodotto la prima polemica.

Sull’aereo di linea che ha trasportato la Seleccion c’erano anche 22 ultrà, che i media chiamano “barras bravas”, noti per gli incidenti che quasi ogni domenica provocano negli stadi e indicati anche quali responsabili di gravi fatti di sangue.

I giornali oggi ne parlano ed alcuni ricordano che del gruppo fa parte, tra gli altargeri, Ariel Pugliese, capo del club Los Perales, inquisito per l’omicidio di Marcelo Cejas, il tifoso della squadra del Tigre ucciso il 25 giugno 2007, e protagonista di altri gravi incidenti in uno dei quali è stato, a sua volta, accoltellato.

Malgrado questi precedenti, ricorda il quotidiano sportivo Olé, Pugliese è stato scelto quale guardia del corpo di Lionel Messi lo scorso anno quando il giocatore del Barcellona è rientrato in Argentina per giocare con la Nazionale.

Questi tifosi si sono imbarcati portando tamburi, trombette, bandiere, ma anche striscioni che evocano personaggi equivoci e precedenti episodi di violenza. I media riferiscono che i gruppi beneficiano sicuramente di appoggi nel mondo del calcio e della politica e a loro si uniranno nei prossimi giorni perlomeno altri 200 ultrà.