Mondiali Brasile 2014: Inghilterra, ecco la lista dei convocati: fuori Ashley Cole

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 Maggio 2014 19:01 | Ultimo aggiornamento: 12 Maggio 2014 19:08

ROMA – Mondiali Brasile 2014: ecco la lista dei convocati dell’Inghilterra. Roy Hodgson porterà in Brasile 23 giocatori, più 7 che rimarranno in “prova” fino alla partenza per la Coppa del Mondo:
portieri – Joe Hart (Manchester City), Ben Foster (West Bromwich Albion), Fraser Forster (Celtic/Sco);
difensori – Leighton Baines (Everton), Gary Cahill (Chelsea), Phil Jagielka (Everton), Glen Johnson (Liverpool), Phil Jones (Manchester United), Luke Shaw (Southampton), Chris Smalling (Manchester United);
centrocampisti – Steven Gerrard (Liverpool), Ross Barkley (Everton), Jordan Henderson (Liverpool), Adam Lallana (Southampton), Frank Lampard (Chelsea), James Milner (Manchester City), Alex Oxlade-Chamberlain (Arsenal), Raheem Sterling (Liverpool), Jack Wilshere (Arsenal);
attaccanti – Rickie Lambert (Southampton), Wayne Rooney (Manchester United), Daniel Sturridge (Liverpool), Danny Welbeck (Manchester United). Giocatori a disposizione: Michael Carrick (Manchester United), Andy Carroll (West Ham United), Tom Cleverley (Manchester United), Jermain Defoe (Toronto FC/Can), Jon Flanagan (Liverpool), John Ruddy (Norwich City), John Stones (Everton).

Guarda le maglie di tutte le nazionali – Il calendario dei mondiali

L’escluso eccellente è l’esterno sinistro del Chelsea Ashley Cole, che per la delusione di non andare al Mondiale, dopo aver avuto la notizia di essere stato “cassato” dalla lista (Hodgson gli ha preferito il 18enne “prodigio” del Southampton, Luke Shaw), ha annunciato l’addio alla nazionale, in cui ha giocato per 107 volte. “Ho parlato con Roy – ha spiegato il 33enne Cole secondo quanto riferito dalla Bbc – e abbiamo convenuto che la nazionale inglese debba fare spazio ai giovani. Per me è il momento giusto di farmi da parte. A prescindere se mi piaccia o meno, è una decisione che devo prendere”.

Un’Inghilterra giovane e rinnovata a fondo. Non ci sono clamorose sorprese nell’Inghilterra che tra tre settimane volerà in Brasile, ma sono solo sei i convocati che hanno già preso parte ad un mondiale. E appena 10, nella rosa dei 23 annunciata oggi dal Ct Roy Hodgson, hanno partecipato ad un torneo internazionale. Nessun esordiente, ma otto i giocatori sotto i 24 anni, con il terzino del Southampton Luke Shaw il più giovane. Con 36 anni il prossimo giugno è invece Frank Lampard il veterano della spedizione, l’unico – assieme a Wayne Rooney e Steve Gerrard – ad aver già disputato due mondiali (2006 e 2010).
Nessun esclusione clamorosa, dunque, al di là di quella di Michael Carrick, che paga la pessima stagione del Manchester United, e di Ashley Cole, a cui Hodgson ha preferito Leighton Baines e lo stesso Shaw. “Vincere il mondiale? Ci crediamo, altrimenti non avrebbe senso neppure partire per il Brasile – le parole di Hodgson nella conferenza stampa odierna -. Abbiamo ragioni di essere ottimisti e pensare in positivo. Dovremo però essere capaci di trasformare questa energia in consapevolezza e fare tutto il possibile per non deludere i nostri tifosi. Una cosa è certa, faremo del nostro meglio”. Terminata domenica la Premier League, i nazionali avranno una settimana di vacanze prima di ritrovarsi lunedì prossimo per il pre-ritiro in Portogallo.
Prima del mondiale sono in programma tre amichevoli, il 30 luglio a Wembley contro il Perù. Quindi la partenza per Miami dove l’Inghilterra completerà la preparazione disputando altre due amichevoli, il 4 contro l’Ecuador, il 7 contro l’Honduras. Una settimana esatta dall’esordio, il 14 contro l’Italia di Cesare Prandelli a Manaus. “Se riguardiamo le partite giocate finora dalla mia nazionale, ci sono giocatori che hanno giocato di più e che si aspettano di essere titolari contro l’Italia – ha aggiunto Hodgson -. Ma sono trascorsi sette mesi da quando ci siamo qualificati, sono cambiate molte cose. In attacco abbiamo tante soluzioni, e ne sono molto felice”. Dopo l’appuntamento con gli Azzurri, cinque giorni più tardi i Tre Leoni affronteranno l’Uruguay a San Paolo, quindi il 24 a Belo Horizonte ci sarà la sfida con la Costa Rica.