Mondiali, finale Olanda-Spagna: caccia al biglietto e bagarini in festa

Pubblicato il 11 luglio 2010 16:36 | Ultimo aggiornamento: 11 luglio 2010 16:36

A circa sei ore dall’inizio della finale mondiale al Soccer City c’è già un gran movimento di tifosi intorno allo stadio. Raccogliendo l’appello degli organizzatori che spiegavano come fosse il caso di recarsi presto verso l’impianto sede della partita, per essere sicuri di arrivare in tempo, molti sostenitori di Spagna ed Olanda, in particolare questi ultimi (tutti vestiti d’arancione) sono già ai cancelli in attesa di entrare.

L’apertura dei cancelli era prevista alle 14.30, ma è stata posticipata. Molti si sono messi in viaggio in largo anticipo soprattutto a causa della chiusura di molte strade, e di un tratto dell’autostrada che collega Pretoria e Johannesburg, decisa dalle autorità per motivi di sicurezza e per permettere il passaggio dei vip.

Il clima è di festa, i supporter olandesi (si calcola che per questa finale ne siano arrivati undicimila) in particolare stanno improvvisando una partita con una replica del tanto contestato pallone Jabulani. Alcuni di loro inneggiano a Sneijder e Robben, finora eroi della nazionale arancione, ma anche al brasiliano Felipe Melo, che con i suoi errori ha permesso di vincere la sfida dei quarti contro la Selecao.

Intorno allo stadio, ma anche in precedenza nei paraggi del grande centro commerciale di Nelson Mandela Square, ci sono anche gli immancabili bagarini, che vendono biglietti della finale a 1300 rand, circa 140 euro, nonostante la presenza di agenti di polizia.

Si tratta di tagliandi dei posti più popolari, ma non c’è alcun garanzia che siano validi. Già nelle precedenti partite si sono verificati numerosi casi di biglietti falsi, alcuni dei quali finiti in possesso di persone che li avevano acquistati assieme al ‘pacchettò fornito da agenzie di viaggio.