Mondiali Nuoto/ Atleta iraniano boicotta la gara dei 100 rana perchè c’è un israeliano. Lo aveva già fatto alle Olimpiadi di Pechino

Pubblicato il 28 Luglio 2009 18:46 | Ultimo aggiornamento: 28 Luglio 2009 18:46
alirezaei

Il nuotatore iraniano Mohammad Alirezaei

La politica e gli scontri tra nazioni entrano in vasca e sporcano i Mondiali di nuoto di Roma. Mohammad Alirezaei, nuotatore iraniano di 24 anni, ha boicottato martedì la sua batteria dei 100 rana (sembra dopo essersi consultato a lungo con il suo team) pur di non trovarsi a gareggiare assieme a un atleta israeliano, Mickey Malul.

Alirezaei, in realtà, non è nuovo a episodi del genere. Già alle Olimpiadi di Pechino del 2008, durante le qualificazioni dei 100 rana, non aveva accettato di gareggiare al fianco di un altro rivale israeliano, Tom Beeri. All’epoca il presidente della federazione iraniana di nuoto, Vahid Moradi, spiegò che Alirezaei aveva dato forfait nella gara di rana a causa di un improvviso attacco di appendicite. Ora si aspetta la giustificazione di questo anno.

Un caso simile, ma in un altro sport il Judo, si era verificato anche quattro anni prima alle Olimpiadi di Atene del 2004: l’iraniano Arash Miresmaeili si rifiutò di affrontare l’israeliano Ehud Vaks in un turno preliminare buttando all’aria la possibilità di una medaglia olimpica. Tornato in patria dopo l’episodio, venne premiato dal governo iraniano come un eroe con una ricompensa di 115 mila dollari.

La decisione iraniana di ritirare il proprio atleta fa da contraltare ad una notizia positiva arrivata lunedì sempre dai Mondiali di Roma: durante la batteria dei 100 dorso Saif Alaslam Al Saadi, nuotatore iracheno di 17 anni, non ha avuto alcun problema a gareggiare con l’israeliano Itai Chammah.