MotoGp, Australia: Lorenzo vince e riapre il Mondiale. Marquez squalificato

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 Ottobre 2013 10:07 | Ultimo aggiornamento: 20 Ottobre 2013 10:08
MotoGp, Australia: Lorenzo vince e riapre il Mondiale. Marquez squalificato (LaPresse)

MotoGp, Australia: Lorenzo vince e riapre il Mondiale. Marquez squalificato (LaPresse)

Phillip Island (Australia) – Jorge Lorenzo ha vinto il Gran Premio d’Australia per la classe MotoGp davanti a Dani Pedrosa e a Valentino Rossi, in una gara accorciata da 26 a 19 giri a causa dei problemi del nuovo asfalto del circuito di Phillip Island.

Successo importantissimo per il campione del mondo in carica, che riapre i giochi per il Mondiale nella giornata più difficile per Marc Marquez. Il pilota della Honda è rientrato solo all’undicesimo giro per effettuare il cambio di moto stabilito dalla direzione gara dopo i problemi alle gomme avuti ieri.

Da regolamento tuttavia l’ingresso ai box sarebbe dovuto avvenire tra il nono e il decimo giro, come fatto da tutti gli altri piloti in pista. All’attuale leader del mondiale è stata esposta quindi la bandiera nera che l’ha estromesso dalla corsa proprio quando era secondo alle spalle di Lorenzo. Un’ingenuita molto grave, che rischia di costare il titolo al ‘rookie’ spagnolo, che vede in un colpo solo assottigliarsi in classifica il suo vantaggio da 43 a 18 punti.

L’esclusione dalla gara di Marquez ha consentito a Valentino Rossi di tornare ad assaporare il gusto del podio, al termine di un duello ricco di sorpassi con Cal Crutchlow ed Alvaro Bautista, rispettivamente quarto e quinto. Davanti a loro Dani Pedrosa, che non è mai riuscito a impensierire un Jorge Lorenzo perfetto, che ha provato la fuga fin dai giri iniziali senza tuttavia scrollarsi di dosso la coppia di piloti Honda HRC.

Solo dopo il cambio moto e l’estromissione di Marquez il centauro della Yamaha è riuscito ad allungare sul connazionale Pedrosa. Ennesima gara difficile per le Ducati, arrivate a più di 30″ dal vincitore. Nicky Hayden si è piazzato settimo, dietro a Bradley Smith, ma davanti ad Andrea Iannone e ad Andrea Dovizioso.

E’ colpa nostra. Abbiamo fatto un errore non è stata una strategia. Non è stata un’iniziativa di Marquez”. Il team principal della Honda HRC Livio Suppo ai microfoni di Sportmediaset ha commentato così la squalifica ricevuta del pilota spagnolo nel Gran Premio d’Australia per la classe MotoGp. Il leader del mondiale ha sostituito la sua moto nell’undicesimo giro quando la finestra per farlo andava dal nono al decimo giro.

“I team vincono insieme e perdono insieme – ha proseguito Suppo – La Honda ha fatto molto bene quest’anno fino ad oggi, può succedere un errore. E’la prima volta che il flag to flag ha una finestra precisa da rispettare, il team ha interpreato che quello fosse ancora il decimo giro, non aveva passato sulla griglia il traguardo dell’11° giro, il misunderstanding è stato quello, che potesse essere il decimo giro”, ha spiegato il team principal della casa giapponese.

In merito al possibile reclamo della Yamaha perché Pedrosa, incappato in una penalità per eccesso di velocità ai box, doveva cedere una posizione a Rossi e non a Marquez, poi squalificato, Suppo sottolinea che “Dani come faceva a sapere che Marc doveva rientrare? Possono già esser contenti di come è andata la giornata”, ha concluso il manager della Honda riferendosi al team rivale.