Il portavoce di Mourinho stuzzica Conte: “Sai cos’è l’Epo?”, l’italiano: “Chiudiamola qui”

Pubblicato il 10 gennaio 2018 10:58 | Ultimo aggiornamento: 10 gennaio 2018 10:58
Mourinho-Conte

Il portavoce di Mourinho stuzzica Conte: “Sai cos’è l’Epo?”, l’italiano: “Chiudiamola qui”
(foto Ansa)

LONDRA (INGHILTERRA) – Infinito botta e risposta a distanza tra José Mourinho e Antonio Conte. I due allenatori sono in corsa per il secondo posto di Premier, il City di Guardiola non sembra raggiungibile, e se ne stanno dando di santa ragione da un punto di vista verbale.

Ha iniziato Mourinho. L’ex tecnico dell’Inter ha acceso la miccia definendo Conte un “pazzo” per come si muove e gesticola in panchina.
L’allenatore leccese ha replicato parlando di demenza senile, cioè dal suo punto di vista Mou non si ricorderebbe di fare anche di peggio durante le partite.

A quel punto il portoghese ha iniziato ad andarci giù pesante e ha tirato in ballo il coinvolgimento di Conte nel calcio scommesse per omessa denuncia.
Conte ha replicato in maniera piuttosto piccata definendo Mourinho un “piccolo uomo” ieri,oggi e domani.

Finita qui? Nemmeno per sogno. Eladio Parames, portavoce di Mourinho, ha scritto un articolo su ‘Record’ dal titolo: “Conte, sai cos’è l’Epo?”. Parames fa ovviamente riferimento allo ‘scandalo’ doping che, nella stagione 1995-1996, vide protagonista la Juventus.

“I giocatori della Juventus sono stati accusati di essersi dopati all’epoca con il famoso Epo, o in un linguaggio semplicistico, di aver fatto trasfusioni di sangue per aumentare le prestazioni sportive. Il caso scoppiò e il calcio rabbrividì. Il caso finì in tribunale ma, appello dopo l’appello, si arrivò alla prescrizione, senza che qualcuno venisse punito seriamente. E chi era allora il capitano della Juve? Antonio Conte!”.

Chiusura con Antonio Conte che ha fatto sapere di terminare qui la sua polemica con Josè Mourinho che non è una cosa che riguarda Chelsea e United ma solamente lui e il portoghese.