Mourinho: "La sconfitta ha solo un padre, sono io"

Pubblicato il 19 Gennaio 2012 1:24 | Ultimo aggiornamento: 19 Gennaio 2012 1:35

MADRID, 19 GEN – ''Io capisco sempre i tifosi del Real ed il 'madridismo', pero' non li ascolto, ne' prima ne' dopo. La responsabilita' e' mia, principalmente quando la mia squadra perde''.

E' questo il commento a caldo di Mourinho all'ennesima sconfitta contro il Barcellona, per 2-1 al Bernabeu in Coppa del Re. Subito dopo il fischio finale del match, il tecnico e' stato messo sotto accusa dall'esigente tifoseria e stampa della capitale, per alcune scelte apparse azzardate, come quelle di schierare dall'inizio Altintop e Carvalho, quest'ultimo appena ripresosi da un grave infortunio.

''La vittoria ha molti padri – ha detto ancora Mourinho , e la sconfitta solo uno. Quello sono io, ci e' gia' successo nelle finali di Supercoppa''.

Sul comportamento di Pepe ed il 'pestone' sulla mano di Messi il portoghese ha detto che ''sul momento non l'ho visto e nemmeno le immagini. Pero' se il suo gesto e' stato intenzionale, e ha pestato la mano di Messi volutamente, e' sicuramente un atto censurabile. A parte questo, Pepe ha fatto un gran lavoro per la squadra''.