Napoli, Cavani rientra tardi dall’Uruguay. Mazzarri infuriato

Pubblicato il 19 Ottobre 2012 8:47 | Ultimo aggiornamento: 19 Ottobre 2012 8:48
Edinson Cavani in azione con il Napoli (LaPresse)

NAPOLI – Non c’era Cavani all’allenamento di ieri del Napoli in vista della sfida di sabato a Torino contro la Juventus. Mazzarri non ha potuto contare sull’attaccante, che a causa di una coincidenza persa, è giunto a Napoli solo in serata dalla Bolivia. L’uruguayano si unirà solo oggi al gruppo come anche Vargas. Mazzarri ha ritrovato oggi anche i tre nazionali svizzeri Behrami, Dzemaili, Inler e i due argentini Campagnaro e Fernandez.

Tutti hanno partecipato alla fase di lavoro tecnico tattica, ma dei cinque rientrati ieri solo Dzemaili, che ha giocato dieci minuti in Islanda, ha preso parte alla partitella a pressione con le porte piccole. Gli altri quattro nazionali hanno svolto lavoro defaticante con corsa in Pineta. Intanto Britos prosegue la tabella di recupero con allenamento sul campo: con la Juve non dovrebbe esserci, rientrerà in Europa League contro il Dnipro.

Il ritardo di Cavani è un inconveniente che ha contrariato, e non poco, Walter Mazzarri che avrebbe voluto averlo a Castelvolturno, ieri pomeriggio, per un primo allenamento dopo 10 giorni di assenza. Invece, il ritardo col quale Cavani s’è presentato all’aeroporto di Buenos Aires è stato determinante per il mancato rientro all’ora concordata con la società. L’allenatore, dunque, lo incontrerà soltanto oggi per la rifinitura. Dopo, il giocatore ripartirà di nuovo. Per Torino, stavolta, dove il Napoli contenderà il primato ai campioni d’Italia, domani sera.