Napoli, De Laurentiis vuole risolvere contratto Ancelotti. Multe per giocatori ribelli e silenzio stampa

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 6 Novembre 2019 17:08 | Ultimo aggiornamento: 6 Novembre 2019 17:08
Napoli De Laurentiis vuole risolvere contratto Ancelotti. Multe calciatori ribelli e silenzio stampa

Napoli, De Laurentiis nella foto Ansa

NAPOLI – Dopo la partita di Champions League contro il Salisburgo, i calciatori del Napoli hanno deciso di ribellarsi alla decisione della società e hanno interrotto il ritiro punitivo che nelle intenzioni del club campano sarebbe dovuto durare fino alla prossima partita di campionato. Ancelotti, nonostante avesse espresso pubblicamente il suo parere contrario al provvedimento punitivo del club, ha agito diversamente dei suoi calciatori e ha continuato il ritiro. 

De Laurentiis vuole multare i calciatori ribelli e vuole risolvere il contratto con Ancelotti.

L’ammutinamento dei calciatori del Napoli non è piaciuto al patron De Laurentiis che si è scagliato contro di loro attraverso il seguente comunicato stampa: “La Società comunica che, con riferimento ai comportamenti posti in essere dai calciatori della propria prima squadra nella serata di ieri, martedì 5 novembre 2019, procederà a tutelare i propri diritti economici, patrimoniali, di immagine e disciplinari in ogni competente sede. Si precisa inoltre di aver affidato la responsabilità decisionale in ordine alla effettuazione di giornate di ritiro da parte della prima squadra all’allenatore della stessa Carlo Ancelotti. Infine comunica di aver determinato il silenzio stampa fino a data da definire”.

Il presidente del Napoli sta lavorando da diverse ore con l’avvocato Grassani per per preparare le sanzioni economiche con cui colpire i giocatori, che hanno interrotto di propria volontà il ritiro imposto dal club. Come scrive La Gazzetta dello Sport in un articolo a firma di Mimmo Malfitano, De Laurentiis con il legale sta valutando la soluzione migliore per arrivare alla separazione con l’allenatore. Il patron del Napoli non ha gradito la sua presa di posizione contro la società nella conferenza stampa prima di Napoli-Salisburgo di Champions League. 

Cosa aveva detto Ancelotti sul ritiro prima della partita del Napoli in Champions.

“Conta solamente la partita. Il resto sono piccoli dettagli, si può essere d’accordo o no. Se mi chiedete cosa ne penso, dico che non sono d’accordo con la decisione della società. Poi l’allenatore deve fare l’allenatore e queste sono decisioni che spettano alla società. Il presidente mi ha chiamato poco fa per farmi gli auguri. Non cambia assolutamente niente, la decisione del ritiro l’ha fatta il club che è preoccupato giustamente come noi. Ma, considerando l’importanza della partita è veramente un dettaglio” (fonti La Gazzetta dello Sport e Il Corriere dello Sport).