Napoli, Insigne litiga con sindaco di Frattamaggiore: non si è potuto allenare

Pubblicato il 27 Dicembre 2012 23:29 | Ultimo aggiornamento: 27 Dicembre 2012 23:29
Napoli, Insigne litiga con sindaco di Frattamaggiore: non si è potuto allenare

Napoli, Insigne litiga con sindaco di Frattamaggiore: non si è potuto allenare (foto YouTube)

NAPOLI – Lorenzo Insigne, attaccante del Napoli, voleva allenarsi nello stadio della ”sua” cittadina natale, Frattamaggiore:

ma il custode dell’impianto municipale ha chiamato il sindaco, per chiedere se il giocatore fosse autorizzato, e Insigne – dopo una concitata conversazione telefonica con il primo cittadino – ha preferito andar via.

E’ lo stesso sindaco, Francesco Russo, a ricostruire le fasi della vicenda. ”L’estate scorsa, quando Lorenzo era ancora al Pescara, lo autorizzai a usare per un mese lo stadio per i suoi allenamenti; ovviamente gratis, mentre i cittadini che chiedono l’accesso devono pagare una quota.

Stamane il custode non ha fatto altro che il suo dovere: occorre sorvegliare gli accessi all’impianto, nuovissimo e tra i migliori d’Italia, e quindi, quando si e’ presentato Insigne, gli ha chiesto se fosse autorizzato. In mancanza del permesso, mi ha chiamato al telefono e ci ha messi in comunicazione”.

”A Lorenzo – aggiunge Russo – ho ripetuto che non c’erano problemi nel fargli usare l’impianto, come in passato, e che l’avrei anche autorizzato verbalmente. Ma mi e’ parso infastidito, risentito, ed ha preferito andare via.

Mi spiace per la sua reazione, se e’ cosi’ suscettibile gli chiedo scusa; ma un campione deve anche rendersi conto che esistono regole da rispettare, specie quando si gestiscono impianti che appartengono alla collettivita”’.