Napoli: chiesto il processo per Lavezzi dopo la lite di Posillipo

Pubblicato il 19 Gennaio 2012 16:07 | Ultimo aggiornamento: 19 Gennaio 2012 16:09

Foto LaPresse

NAPOLI – Possibile processo per Ezequiel Lavezzi. La Procura della Repubblica di Napoli ha infatti chiesto il rinvio a giudizio per il calciatore argentino del Napoli e per il suo amico imprenditore Marco Iorio. Il pubblico ministero Giuseppe Cimmarota ha accusato di lesioni il Pocho dopo un tamponamento tra l’auto in cui si trovava e quella di alcuni giovani a Posillipo nel dicembre 2010. Iorio dovrà rispondere della stessa ipotesi di reato e di calunnia.

I fatti risalgono alla sera del 15 dicembre 2010, quando in via Nevio a Napoli vi fu un tamponamento tra la Mercedes, in cui si trovava il calciatore argentino con l’imprenditore, e l’auto di un gruppo di giovani. Da quell’episodio scaturì un litigio. Nella ricostruzione del magistrato, Lavezzi intervenne inizialmente per mettere pace, ma in un secondo momento avrebbe colpito con calci e pugni uno dei ragazzi. In seguito Iorio ha denunciato i giovani per minacce e percosse.

Per i ragazzi il pm ha chiesto l’archiviazione, ma la difesa di Iorio si è opposta e dovrà tenersi un’udienza camerale. Adesso sarà il giudice dell’udienza preliminare a stabilire se l’idolo della tifoseria partenopea dovrà essere sottoposto a processo.